Disfunzione erettile, un nuovo stent può curarla

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 03/06/2021 Aggiornato il 03/06/2021

La disfunzione erettile è un problema molto diffuso, un aiuto concreto potrebbe arrivare da un particolare stent, un tubicino capace di favorire il giusto afflusso di sangue

Disfunzione erettile, un nuovo stent può curarla

La disfunzione erettile si può curare agendo direttamente sui vasi sanguigni del pene. A rivelarlo è la rivista scientifica Journal of Sexual Medicine, che ha riportato gli incoraggianti risultati raggiunti in tema di cura alla disfunzione erettile di una ricerca condotta da medici del Vascular Institute Central Switzerland di Arau di concerto con l’Hirslanden Clinic di Arau e l’University Hospital di Berna. Gli studiosi elvetici hanno infatti messo a punto un piccolo tubicino (stent) che, impiantato nelle arterie del pene, permette contrastare il problema di disfunzione erettile e ritrovare un appagante sesso di coppia.

Un tubicino particolare

Lo stent è un vero e proprio tubicino che agevola il lavoro dei vasi sanguigni. Solitamente viene impiantato nei vasi sanguigni di dimensioni più grandi, quello sperimentato dai ricercatori svizzeri riesce invece a svolgere la stessa funzione nelle piccole cavita delle arterie del pene. Allargandole, infatti, lo stent agevola l’afflusso sanguigno nel pene e permette di contrastare la disfunzione erettile. Questo perché, nella maggior parte dei casi, è proprio il limitato afflusso di sangue dettato da aterosclerosi a essere tra le cause maggiori della disfunzione erettile.

Risultati incoraggianti

La sperimentazione con lo stent ha coinvolto 100 uomini di età compresa tra i 50 e i 70 anni con problemi di disfunzione erettile causata da ostruzione delle arterie. Dopo l’impianto, i risultati sono stati molto incoraggianti. Infatti, oltre a non essersi verificati problemi o rigetti, a un anno dall’operazione il 56,7% dei pazienti ha riscontrato un miglioramento rilevante della funzionalità erettile. Con progressi comunque incoraggianti nella vita di coppia in circa l’80% dei pazienti. Sarebbe bello riuscire ad estendere la ricerca anche a pazienti più giovani, come i futuri papà o neopapà.

 
 

Una curiosità

Gli stent utilizzati per la sperimentazione sono realizzati in lega di cobalto-cromo e per evitare il rigetto viene usato il sirolimus, un farmaco immusoppressivo naturale.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti