Ecco perché gli uomini pensano sempre al sesso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/03/2015 Aggiornato il 27/03/2015

La scienza conferma: è un chiodo fisso. Il legame mentale tra uomini e sesso è così “intensivo” per colpa dell’evoluzione

Ecco perché gli uomini pensano sempre al sesso

lI rapporto così intenso tra uomini e sesso pare avere evidenze scientifiche, con retaggi che sconfinano persino nelle teorie evoluzionistiche. Infatti, quante volte si accusa il maschio di pensare sempre al sesso? Ebbene, secondo un recente studio, ciò accade per colpa dell’evoluzione.

Il rapporto uomo-donna

Ad analizzare il legame psicologico tra uomini e sesso, è stato uno studio norvegese, condotto da Mons Bedixen, esperto del Dipartimento di Psicologia della Norwegian University of Science and Technology di Trondheim. Pubblicato sulla rivista Evolutionary Psychology, lo studio ha coinvolto 308 uomini e donne tra i 18 e i 30 anni. A questo campione sono state poste domande riguardanti il rapporto con il sesso opposto. Dalle risposte ottenute, è apparso evidente che le donne trovino nelle reazioni maschili sempre una certa componente di “fraintendimento”. In sostanza, alle donne intervistate era capitato che per più di 3 volte in un anno, un comportamento socievole fosse stato interpretato come una sorta di invito all’approccio. A testimoniare quanto più “immediato” e naif sia invece il rapporto tra uomini e sesso, sono state le risposte maschili: gli uomini sostengono di capire molto bene quando una donna è sessualmente attratta da loro e quando, invece, si tratta di un semplice interesse di tipo amichevole.

Alla base l’istinto riproduttivo

Gli uomini, quindi, pensano più spesso al sesso perché guidati da una sorta di fitness riproduttiva, dall’esigenza ancestrale di fecondare quante più donne possibile. Ovviamente, tale impulso è mediato e ridotto dalle regole della vita civile e sociale, come per esempio quelle imposte dalla monogamia. Invece, per quanto riguarda le donne, la gravidanza ha una portata più ampia, un diverso “costo” sia in termini di investimento biologico sia in termini di coinvolgimento emotivo e sociale. L’evoluzione, dunque, ha in sé una soglia preimpostata di riproduzione: per gli uomini tale soglia è di molto inferiore rispetto a quella femminile e, per questo, tendono a considerare il rapporto con la donna come un potenziale tentativo di riproduzione, anche quando la donna in questione in realtà non è interessata a riprodursi. 

Alla natura non si scappa

Nonostante i limiti sociali all’accoppiamento “libero”, dettato dalla spinta evoluzionistica, gli uomini sono comunque mossi nel pensiero (e nella pratica) da tale esigenza biologica. Sembra proprio, quindi, che alle regole dell’evoluzione la specie umana non riesca a sfuggire.

 

 

 

In breve

C’E ANCHE LA CRISI DEL MASCHIO

Gli studi sull’evoluzione e sulla predisposizione maschile all’accoppiamento, non tengono però conto del fattore emotivo-relazionale. Così come non viene considerata la crisi maschile attuale riguardo al ruolo di padre di famiglia o di compagno.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti