Frutta secca accende la libido maschile

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 10/09/2019 Aggiornato il 10/09/2019

Sono sufficienti 60 grammi di frutta secca al giorno per veder migliorare la libido maschile. Anche senza stravolgere la propria dieta, l’integrazione di noci, mandorle e nocciole aiuta ad accendere il desiderio sessuale

Frutta secca accende la libido maschile

La frutta secca è spesso consigliata come toccasana per l’apparato cardiovascolare. Dalla Spagna arriva ora uno studio preliminare, condotto dall’Universitat Rovira i Virgili di Tarragona di concerto con il Pere Virgili Health Research Institute e pubblicato dalla rivista Nutrients, che pare evidenziare gli influssi positivi della frutta secca sulla libido maschile.

60 grammi al giorno

La ricerca si inserisce nel progetto Fertinuts, che valuta gli effetti del consumo di frutta secca sulla qualità dello sperma, ed è stata condotta su un campione di 83 uomini compresa tra i 18 e i 35 anni, pienamente in salute, ma con un regime alimentare non proprio bilanciato e caratterizzato da eccessi di grassi animali e carenza di frutta e verdura. Il campione è stato suddiviso in due gruppi ,chiedendo al primo di non variare le proprie abitudini alimentari e al secondo di integrare la dieta giornaliera con 60 grammi di frutta secca (30 di noci, 15 di mandorle e 15 di nocciole).

Migliora l’orgasmo

Al termine del periodo di controllo di quattordici settimane i partecipanti sono stati sottoposti a un questionario incentrato sulle funzionalità sessuali. Dai dati raccolti è emerso come l’aggiunta di frutta secca alla dieta, sia pur essa ancora poco equilibrata, favorisca la libido maschile, aumentando il desiderio sessuale e migliorando la qualità dell’orgasmo. Differenze poco rilevanti, invece, sono state riscontrate in tema di funzionalità erettile. I meccanismi dietro a questi risultati sono ancora poco chiari, i dati saranno da approfondire allargando lo studio a un campione più consistente.

Anche i pistacchi

Come sottolineato dai ricercatori, si tratta di risultati che corroborano il rapporto tra frutta secca e l’apparto genitale maschile svelato da un precedente studio che evidenziava l’apporto positivo dei pistacchi  sulla funzionalità erettile. La strada da percorrere sembra quindi quella corretta. Forse, basterà attendere ancora un po’ prima di avere la certezza circa l’influenza positiva della frutta secca sulla libido maschile. Nel dubbio, perché non allietare l’attesa sgranocchiando qualche nocciolina?

 

 

 
 
 

Da sapere!

Attenzione la frutta secca è tra gli alimenti più insidiosi quando si parla di allergie e, in alcuni casi, è sconsigliato consumarla durante la gravidanza.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti