Il primo lockdown ha portato disfunzioni sessuali per 6 uomini su 10

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 13/04/2021 Aggiornato il 13/04/2021

Le norme restrittive applicate la scorsa primavera hanno avuto un impatto importante sulla sfera intima maschile, provocando disfunzioni sessuali, calo del desiderio e ridotta attività sessuale

Il primo lockdown ha portato disfunzioni sessuali per 6 uomini su 10

A rivelare questi dati è la Società italiana di Andrologia (SIA), che durante il lockdown dello scorso anno ha condotto un’indagine online per valutare lo stato di salute degli italiani. La ricerca telematica ha coinvolto oltre 2.500 persone evidenziando come per ben il 59% degli uomini, le norme restrittive abbiamo portato a disfunzioni sessuali. Problemi che, anche con norme anti-Covid-19 meno stringenti, perdurano per il 24% dei casi.

I fattori scatenanti

Come sottolineato dal Presidente della SIA e Professore di Urologia Università Federico II di Napoli, Alessandro Palmieri, la pandemia ha trasformato la vita di tanti e, con essa, la sfera sessuale. Molti, continua Palmieri, i fattori concorrenti alle disfunzioni sessuali durante il lockdown imposto dal Covid-19: dall’ansia e la preoccupazione dettate dall’incertezza nel domani, alle difficoltà di adattarsi ai nuovi ritmi e alla nuova vita. Fino all’eccessiva vicinanza o lontananza dal partner.

Calo del desiderio

Tre le disfunzioni sessuali provocate dalle restrizioni dettate dal lockdown è stata riscontrata anche una drastica diminuzione dell’attività sessuale. Ben l’80% degli uomini ha ammesso di avere avuto un calo del desiderio. Molteplici poi le rilevazioni sul tema che hanno confermato il trend negativo, con livelli di attività sessuale in linea con il periodo prima del Covid-19 mantenuti solo da un uomo ogni cinque.

L’importanza di parlarne

Come rimarcato da Palmieri, l’impegno della SIA è quello di sostenere gli uomini e le coppie in questo momento non semplice. L’importante – conclude Palmieri – è non fermarsi e parlare dei problemi. Per questo, attraverso l’iniziativa ancora in corso Keep in Touch 2021 (avviata a febbraio e i cui primi incontri possono essere recuperati anche su YouTube) abbiamo voluto coinvolgere gli italiani e i migliori esperti sul tema per aprire un dibattito che sia comodamente fruibile da casa e in cui si possa rispondere in modo semplice ai bisogni dei cittadini.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Come evidenziato dall’Istat, i problemi fotografati dalla SIA, hanno inevitabili conseguenze dirette sul numero delle nascite. L’Istituto di Statistica prevede infatti solo 408mila nuovi nati.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti