Impotenza: migliora con lo sport e soprattutto con… il calcio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/05/2016 Aggiornato il 11/05/2016

Sesso e sport vanno d'accordo. Il calcio, nello specifico, diminuirebbe addirittura il rischio di fare flop a letto

Impotenza: migliora con lo sport e soprattutto con… il calcio

D’ora in poi, meglio non storcere il naso se mariti e fidanzati decidono di andare a giocare a calcetto con gli amici ogni settimana. Infatti, nuovi studi evidenziano una correlazione del tutto positiva tra sesso e sport. E, in particolare, il calcio renderebbe amanti più hot e resistenti.

Meno disturbi del sesso

Il rapporto virtuoso tra sesso e sport è stato analizzato proprio dalla Società italiana di andrologia. Lo studio ha raccolto i dati relativi a 18.000 ragazzi dai 18 ai 20 anni di età. Ebbene, i risultati parlano chiaro. Chi gioca a calcio per almeno 45 minuti due o tre volte alla settimana (con costanza) riduce del 45% il rischio di incorrere in disturbi di tipo sessuale, tra cui l’eiaculazione precoce.

No alla sedentarietà

Ciò che davvero nuoce alla vita sessuale, nonché alla fertilità, è la sedentarietà. Il calcio è uno sport che si rivela anche sicuro per la fertilità maschile, a differenza di altre attività potenzialmente più rischiose per gli organi intimi maschili, come il ciclismo o le arti marziali.

Non solo per i giovani

Gli effetti positivi del rapporto tra sesso e sport si notano anche in chi non è più tanto giovane, ovvero negli over 65. Per questi ultimi, i benefici sono evidenti soprattutto dal punto di vista respiratorio. La capacità respiratoria, infatti, aumenta del 18% con un allenamento costante e non troppo pesante.

Anche per i ragazzi

Porre l’attenzione su questo tipo di problematiche, significa anche tenere alla salute di un ragazzo su tre. Sono questi, infatti, i numeri di chi soffre di disturbi agli organi genitali. Problemi che possono influire sulla futura sessualità del ragazzo, nonché sulla sua fertilità.

 

 
 
 

DA SAPERE

 

NUOVI FARMACI PER LUI

Dal punto di vista farmacologico, la ricerca sta facendo passi da gigante per quanto riguarda il trattamento delle disfunzioni sessuali. Ormai si sono superati i notissimi Viagra e Cialis, oggi esistono pillole innovative in grado di diminuire notevolmente gli effetti collaterali di questo tipo di trattamenti (un esempio, è l’Avanafil).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti