Impotenza: migliora con lo sport e soprattutto con… il calcio

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 11/05/2016 Aggiornato il 11/05/2016

Sesso e sport vanno d'accordo. Il calcio, nello specifico, diminuirebbe addirittura il rischio di fare flop a letto

Impotenza: migliora con lo sport e soprattutto con… il calcio

D’ora in poi, meglio non storcere il naso se mariti e fidanzati decidono di andare a giocare a calcetto con gli amici ogni settimana. Infatti, nuovi studi evidenziano una correlazione del tutto positiva tra sesso e sport. E, in particolare, il calcio renderebbe amanti più hot e resistenti.

Meno disturbi del sesso

Il rapporto virtuoso tra sesso e sport è stato analizzato proprio dalla Società italiana di andrologia. Lo studio ha raccolto i dati relativi a 18.000 ragazzi dai 18 ai 20 anni di età. Ebbene, i risultati parlano chiaro. Chi gioca a calcio per almeno 45 minuti due o tre volte alla settimana (con costanza) riduce del 45% il rischio di incorrere in disturbi di tipo sessuale, tra cui l’eiaculazione precoce.

No alla sedentarietà

Ciò che davvero nuoce alla vita sessuale, nonché alla fertilità, è la sedentarietà. Il calcio è uno sport che si rivela anche sicuro per la fertilità maschile, a differenza di altre attività potenzialmente più rischiose per gli organi intimi maschili, come il ciclismo o le arti marziali.

Non solo per i giovani

Gli effetti positivi del rapporto tra sesso e sport si notano anche in chi non è più tanto giovane, ovvero negli over 65. Per questi ultimi, i benefici sono evidenti soprattutto dal punto di vista respiratorio. La capacità respiratoria, infatti, aumenta del 18% con un allenamento costante e non troppo pesante.

Anche per i ragazzi

Porre l’attenzione su questo tipo di problematiche, significa anche tenere alla salute di un ragazzo su tre. Sono questi, infatti, i numeri di chi soffre di disturbi agli organi genitali. Problemi che possono influire sulla futura sessualità del ragazzo, nonché sulla sua fertilità.

 

DA SAPERE

NUOVI FARMACI PER LUI

Dal punto di vista farmacologico, la ricerca sta facendo passi da gigante per quanto riguarda il trattamento delle disfunzioni sessuali. Ormai si sono superati i notissimi Viagra e Cialis, oggi esistono pillole innovative in grado di diminuire notevolmente gli effetti collaterali di questo tipo di trattamenti (un esempio, è l’Avanafil).

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti