Intimità di coppia migliora se i lavori di casa sono condivisi

Laura Raimondi A cura di Laura Raimondi Pubblicato il 08/03/2019 Aggiornato il 08/03/2019

Nel giorno della festa della donna vale la pena ricordare che ancora oggi quasi tutte le incombenze domestiche ricadono sulle spalle delle donne. Se, però, gli uomini si dessero più da fare in casa scoprirebbero che...

Intimità di coppia migliora se i lavori di casa sono condivisi

Pulire casa insieme può migliorare i rapporti a letto? Pare proprio di sì. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “Social Forces” del Dipartimento di Sociologia dell’università del North Carolina e Chapel Hill (Usa), secondo cui un’equa suddivisione delle faccende domestiche sarebbe salutare per l’ intimità di coppia.

Più di 1.000 coppie monitorate

I ricercatori hanno preso in esame per due anni 1.100 coppie. Il 57% delle donne lavorava full time e si impegnava nei lavori di casa più del doppio del tempo dedicato dagli uomini, mettendo in evidenza la disparità uomo-donna, sebbene il rapporto sia migliorato rispetto agli anni 60. Ma più delle statistiche, la vera sorpresa è il dato psicologico: la parità nelle faccende domestiche è proporzionale al benessere dell’ intimità di coppia.

La parità in casa aiuta la libido

Secondo gli esperti ripartire il carico di lavoro a casa elimina il sentimento d’ingiustizia che corrode i rapporti. Inoltre, dividersi i compiti favorisce l’ottimizzazione del tempo non solo individuale ma anche di coppia. 
Come spiega, infatti, Anne Barret, autrice dello studio, “quando la ripartizione dei compiti è ingiusta verso le donne, la soddisfazione sessuale si riduce, in una scala da 0 a 10, di un punto e mezzo in tutti e due i partner”. Un rapporto paritario, al contrario, accende il desiderio.

 

 

Da sapere!

In Italia gli uomini hanno 70 minuti di tempo libero in più al giorno rispetto alle donne, per via di una disparità nella suddivisione dei compiti casalinghi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti