Malattie veneree: è boom di gonorrea

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/11/2015 Aggiornato il 12/11/2015

A lanciare l’allarme per un’impennata di malattie sessualmente trasmissibili è L’European Center for Disease Prevention and Control. Attenzione in gravidanza!

Malattie veneree: è boom di gonorrea

Il report dell’Ecdc (European Center for Disease Prevention and Control), che segnala una preoccupante crescita delle malattie veneree, fa porre inevitabilmente l’attenzione sul ruolo del cambiamento dei costumi sessuali rispetto al secolo scorso: oggi la vita sessuale inizia molto in anticipo, è più disinibita e c’è poca informazione.

Colpisce soprattutto gli uomini

Mentre sarebbe la Chlamydia trachomatis l’infezione più diffusa, con 146 milioni di nuovi casi all’anno, la gonorrea detiene il primato assoluto in proporzione, con una crescita del 78% dal 2008 a oggi. Gli esperti affermano che i più colpiti sono gli uomini, soprattutto omosessuali. La gonorrea è dovuta a un batterio che sopravvive più facilmente all’interno del corpo umano, è caratterizzata da abbondanti perdite giallastre, tanto che in gergo la malattia viene detta “scolo”. Se non è curata tempestivamente, può compromettere le articolazioni, dando luogo avere e proprie artriti. La prevenzione spetta quindi alla condotta del singolo, utilizzando semplicemente il profilattico, unica vera barriera contro la malattia poiché non esistono vaccini.

In gravidanza il bambino è a rischio

È molto facile che la gonorrea venga trasmessa dalla mamma al bambino durante il parto, causando problemi, anche molto gravi alla vista del neonato (può condurre alla cecità). Per questo è necessario seguire tutta la profilassi sul bambino, se la madre ha contratto la gonorrea. Lo screening durante la gravidanza, se si presume un rischio legato a rapporti sessuali non protetti, è spesso consigliato per riuscire a curare al meglio la madre e il suo piccolo.

In Gran Bretagna cifre record

In Gran Bretagna, le infezioni nel 2014 sono cresciute del 19% in un solo anno, arrivando a 34.958 casi. Il rischio di gonorrea, soprattutto al nord del Paese, ha causato non pochi problemi per via di una quindicina di casi, dove i farmaci tradizionali non sono riusciti a curare la malattia. Questa complicazione è dovuta all’utilizzo irresponsabile degli antibiotici, che negli ultimi anni ha reso alcuni batteri molto più resistenti.

L’infezione è “social”

La tendenza agli incontri occasionali è aumentata, anche per via dei numerosi siti di incontri e App create ad hoc. La possibilità di fare conoscenza sul web apre a mondi talvolta poco sicuri, dove è difficile conoscere il comportamento sessuale del futuro “partner di una notte” e di conseguenza è più facile esporsi al contagio. Celebre in questo senso, la campagna “sui muri” dall’Aids Healthcare Foundation contro le malattie a trasmissione sessuale a Los Angeles dove “Mr. Tinder (noto sito di incontri) incontra Miss Chlamydia”.

 

 

 

lo sapevi che?

La gonorrea è la seconda Ist (Infezioni sessualmente trasmissibili) più segnalata in Europa: 52.995 casi nel 2013 in 28 stati dell’Unione Europea, ovvero con un tasso d’incidenza di 16,3 casi per 100.000 abitanti.  Colpisce gli uomini con un tasso di incidenza triplo rispetto alle donne.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti