Orgasmo: non è solo questione di testa… per lei

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/06/2016 Aggiornato il 03/06/2016

A determinare l’orgasmo, sia maschile sia femminile, sono anche fattori anatomici. Confermate notevoli differenze tra i sessi. Per la donna conta la posizione, per lui, la testa

Orgasmo: non è solo questione di testa… per lei

Che differenza c’è tra un uomo e una donna quando si parla di sesso, più in particolare di orgasmo? Una nuova ricerca, coordinata dal dottor Jason Siegel della “Mayo Clinic”, ha individuato sostanziali differenze nelle modalità con cui uomo e donna raggiungono l’orgasmo. Sarebbero gli uomini a essere maggiormente influenzati dal cervello, mentre per le donne molto dipenderebbe dalla posizione. L’orgasmo, dunque, non è solo una questione mentale.

Le differenze tra donne e uomini

La convinzione comune è che la capacità di raggiungere l’orgasmo sia direttamente legata alla persona e al suo rapporto con il partner, ma un nuovo studio ribalta questa concezione del sesso tutta legata alla sfera psicologica. Secondo lo studio in questione, infatti, a determinare il risultato sono anche fattori anatomici, con notevoli differenze tra maschi e femmine. Nello specifico, lo studio spiega che se negli uomini l’orgasmo dipende dall’arco di riflesso spinale del pene, che può essere influenzato da problemi dei neurotrasmettitori o da lesioni spinali, nella donna accade ben altro. Per loro l’esperienza dell’orgasmo è molto più complicata. Le donne, infatti, sono più suscettibili agli spostamenti del clitoride durante l’atto sessuale: quanto più il clitoride si avvicina alla parete vaginale, tanto più è probabile che si raggiunga l’orgasmo.

Le fasi del piacere

Nell’uomo l’arco riflesso inizia con uno stimolo sensitivo che raggiunge il midollo spinale; le informazioni relative vengono elaborate e poi arrivano al muscolo, in questo caso il pene, provocandone il movimento. La novità dello studio sta nell’individuazione di due rami da cui provengono gli stimoli. Da un lato c’è il ramo psicologico, che entra in gioco quando un maschio vede pornografia o viene stimolato visivamente. Il secondo ramo è più fisico e dipende dalla stimolazione diretta del pene. Jason Siegel spiega: “Dei due, quello che non funziona più, di solito è lo stimolo psicologico”. Invece, per le donne sembra che ci siano più possibilità di raggiungere l’orgasmo se la parete anteriore della vagina è più stimolato.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Sono in aumento le donne che dicono di provare l’orgasmo durante il parto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti