Papillomavirus e sesso orale: più rischi di tumore orofaringeo?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/03/2016 Aggiornato il 03/03/2016

Il sesso orale potrebbe aumentare il rischio del pericoloso tumore orofaringeo, difficile da curare se scoperto tardi. La colpa sarebbe del Papillomavirus

Papillomavirus e sesso orale: più rischi di tumore orofaringeo?

Il sesso orale aumenta del 22 per cento il rischio di tumore orofaringeo. La notizia arriva da un gruppo di ricercatori americani che ha evidenziato come il maggiore responsabile di questa neoplasia sia il Papillomavirus (Hpv), che si trasmette soprattutto per via sessuale.

Un virus pericoloso

Già si sapeva che l’Hpv gioca un ruolo patogenetico, cioè favorente, per lo sviluppo del tumore della cervice uterina, ma ora pare che sia responsabile anche per l’eziopatogenesi dei tumori del cavo orale e dell’orofaringe, molto difficili da curare se scoperti in fase avanzata. Con il sesso orale, in pratica, si facilita il passaggio del virus dagli organi genitali alla bocca. Il rischio di tumore risulta così aumentato del 22 per cento. Il dato emerge dalle conclusioni di una ricerca pubblicata su Jama Oncology. 

Studio su quasi 100mila persone

Lo studio condotto da un gruppo di specialisti dell’Albert Einstein College of Medicine di New York ha preso in esame 97mila persone, già arruolate all’interno di due grandi studi prospettici condotti su base nazionale. A tutti i partecipanti è stato chiesto di fornire un campione di saliva e, al termine di un follow-up durato quattro anni, ben 132 sono stati i casi di tumore del cavo orale diagnosticati. I ricercatori hanno cercato così una correlazione tra le persone ammalatesi e la presenza del Papillomavirus nella saliva. È emerso che chi aveva consegnato campioni positivi a questo virus era accompagnato da una probabilità più alta del ventidue per cento di sviluppare la neoplasia.

Spesso non dà sintomi

Il Papillomavirus è noto per essere il primo fattore di rischio per il tumore della cervice uterina, il secondo più diffuso tra le donne dopo quello al seno, diagnosticato in 2200 donne nel 2015. Il Papilloma virus umano è molto frequente nella popolazione e si trasmette prevalentemente per via sessuale, anche se nella maggior parte dei casi rimane asintomatico. Alcuni sierotipi virali (16 e 18) sono definiti ad alto rischio oncologico nei confronti della cervice uterina e non soltanto; anche i tumori del cavo orale rientranti nella più ampia categoria delle neoplasie di testa e collo possono essere provocati da questo sito.

 

 

 
 
 

In breve

 

C’È IL VACCINO

IL Papillomavirus è conosciuto per essere il primo fattore di possibile tumore della cervice uterina e dal 2008 esiste un vaccino, valido anche per gli uomini, per la prevenzione di questa patologia virale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti