Pillole dell’amore: 6 uomini su 10 scelgono il fai-da-te

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/06/2017 Aggiornato il 01/06/2017

Tra gli uomini che usano le pillole dell'amore senza parere medico, il 38% mostra segni lievi o moderati di disfunzione erettile e il 12% un problema severo

Pillole dell’amore: 6 uomini su 10 scelgono il fai-da-te

Disfunzione erettile: su 10 uomini che hanno a che fare con questo disturbo sessuale solo 4 possono essere ricondotti nella categoria di “pazienti” costantemente sotto controllo medico. I rimanenti, ben 6 uomini su 10, utilizzano contro questa disfunzione i cosiddetti rimedi “fai da te”, acquistando e assumendo le pillole dell’amore senza  aver avuto una diagnosi né, in molti casi, una prescrizione da parte del medico. I dati emergono da uno studio condotto su circa mille uomini che utilizzano questi farmaci in sette Paesi europei, Italia compresa, presentato al Congresso dell’European Association of Urology (Eau).

Boom di vendite online

Nell’ultimo anno in Europa sono state vendute circa 180 milioni pillole dell’amore; di queste oltre 100 milioni sono state acquistate senza ricetta, online e non solo: circa 3 milioni e mezzo, infatti, sono state reperite nei sexy shop. Come spiega  Emmanuele Jannini, specialista in endocrinologia, malattie metaboliche e andrologia dell’Università di Roma Tor Vergata, gli uomini che usano le pillole per migliorare le prestazioni sotto le lenzuola oppure percepiscono la presenza di qualche piccola o grande difficoltà, ma non ne vogliono parlare al medico vengono definiti “performer”: un gruppo di soggetti che andrebbe tenuto sotto controllo perché – precisa Jannini – soltanto l’11% dei cosiddetti “performer” è realmente privo di disturbi erettili”.

Importante parlare con il medico

Tra gli uomini che utilizzano i farmaci anti-impotenza senza consultarsi con il medico “il 38% a un’analisi più approfondita presenta segni lievi o moderati di disfunzione erettile e il 12% addirittura un problema di grado severo”, spiega Jannini. “Questi soggetti provano a curarsi da soli per l’imbarazzo di discutere le loro difficoltà con un medico, ma i dati mostrano che la soddisfazione e i risultati ottenuti con il trattamento fai da te sono inferiori alle attese rispetto a chi viene seguito da un esperto che possa individuare il principio attivo più adatto al singolo caso e stilare un piano terapeutico adeguato”.

 

 

 

 
 
 

In breve

TANTI I RISCHI DELL’AUTOMEDICAZIONE

Le conseguenze del “fai da te” possono essere anche gravi: nelle pillole dell’amore acquistate in altri canali al di fuori della farmacia, infatti, possono essere presenti impurità, elementi tossici o dosaggi sbagliati che incrementano il pericolo di eventi avversi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti