Poco sesso per gli uomini che dormono poco

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/12/2013 Aggiornato il 17/12/2013

Gli scienziati hanno scoperto che gli uomini che fanno le “ore piccole” hanno difficoltà a fare sesso: i tessuti diventano carenti di ossigeno e di nutrienti

Poco sesso per gli uomini che dormono poco

Dormire poco non fa bene al sesso. E questo vale soprattutto per gli uomini che dormono non più di sette ore a notte. Gli scienziati hanno scoperto che gli uomini con diminuite o assenti erezioni notturne hanno più difficoltà a fare sesso. Rispetto a trenta anni fa in Occidente si dorme addirittura due ore di meno, mentre nel nostro Paese il 30% della popolazione soffre di qualche forma di insonnia. E questo mette a rischio anche i rapporti sessuali. Senza contare che dormire poco di notte fa ingrassare (si finisce per mangiare di più e soprattutto i carboidrati) e non aiuta il cervello a ripulirsi dalle tossine, come è stato rilevato da una ricerca della University of Rochester Medical Center, pubblicata sulla rivista Science.

Che cosa succede durante il sonno

Mentre dormiamo il corpo avvi una vera e propria manutenzione e riparazione di cellule e tessuti, tra cui quelli degli organi genitali. “Nella fase Rem (contraddistinta da rapidi movimenti oculari), quella in cui si sogna, c’è un aumento del flusso sanguigno con maggiore apporto di ossigeno e nutrienti ai tessuti” spiega Ronald Virag, andrologo francesce, pioniere degli studi della sessualità maschile che ha analizzato il rapporto tra sonno e qualità del sesso. Quando si riposa in modo adeguato “si hanno quattro o cinque di cicli di fase Rem per notte – prosegue il professor Virag -; dormendo poco e male, invece, si rischia di saltare questa fase e i tessuti diventano carenti di ossigeno, con tutte le conseguenze che ne derivano anche sul piano della funzionalità sessuale”.

Quando si può parlare di insonnia

L’insonnia è un sintomo più che una malattia e si può manifestare in molte affezioni acute o croniche; nella maggioranza dei casi non dipende da una malattia organica, ma è l’espressione di un disturbo funzionale che quasi costantemente si identifica con uno squilibrio emotivo. È comunque difficile stabilire regole precise sulla durata ottimale del sonno (questo dato può variare da 6-7 ore per alcuni individui a 9-10 per altri); inoltre l’insonnia può essere occasionale in rapporto a periodi di particolare tensione emotiva, a preoccupazioni familiari o professionali o ad avvenimenti luttuosi. 

In breve

I SEGNALI DELL’INSONNIA

Difficoltà ad addormentarsi, qualità del sonno scadente, risvegli frequenti sono i principali sintomi dell’insonnia. In caso di insonnia prolungata senza cause evidenti, per individuarne il problema all’origine sono utili le registrazioni di elettroencefalografia, per fare indagini sul tipo di onde cerebrali presenti, e una valutazione della respirazione (le apnee notturne provocano micro-risvegli), dell’attività muscolare e di altre funzioni corporee durante il sonno. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti