i.Con… e il preservativo diventa high-tech

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/05/2017 Aggiornato il 07/10/2020

Ti sei mai chiesto quante calorie si bruciano durante un rapporto sessuale? Quale sia la durata media di una prestazione? Quali siano le tue posizioni preferite? i.Con ha una risposta a tutte queste domande

i.Con… e il preservativo diventa high-tech

Sviluppato dalla British Condoms, un’azienda specializzata in metodi contraccettivi maschili, i.Con – questo è il nome del dispositivo – registra dati come la quantità di calorie bruciate durante un rapporto sessuale, la velocità, la frequenza, la temperatura dell’epidermide, il numero di ripetizioni e così via.

A letto come in palestra

Durante le sessioni di allenamento in palestra sempre più sportivi indossano dispositivi in grado di tenere traccia delle prestazioni. Monitorare le proprie performance permette di “settare” nuovi traguardi, valutare l’evoluzione dei propri allenamenti e correggere eventuali errori. Con i-Con sarà possibile fare lo stesso con la propria attività sessuale, il tutto in modo semplice, anonimo, sicuro e confortevole.

Come funziona

i.Con è un dispositivo a forma di anello alla cui base viene inserito il preservativo. Grazie a un nano-chip e a dei sensori, registra i diversi parametri riguardanti l’attività sessuale e li invia a una app per smartphone dedicata. Dall’app, completamente anonima, sarà poi possibile valutare le proprie prestazioni e imparare a conoscere meglio le proprie abitudini sessuali. Il dispositivo ha un’autonomia di 6-8 ore ed è dotato di porta micro-usb per la ricarica.

Mai più “incidenti”

Stando a quanto riportato dal produttore, i.Con migliorerebbe anche la sicurezza dei rapporti, bloccando il preservativo e impedendo che questo possa scivolare via durante il rapporto. Grazie a una tecnologia a laccio, l’anello si adatta alle dimensioni di chi lo indossa, permettendo il massimo comfort e la minima invadenza, per chi lo veste così come per la partner.

Anche contro le infezione sessuali

Gli sviluppatori sono ora al lavoro per dotare i.Con di una funzionalità estremamente importante cche dovrebbe essere in grado di rivelare eventuali infezioni sessualmente trasmissibili, permettendo di scongiurare contagi e rendere il sesso nel complesso più sicuro e, contemporaneamente, più piacevole. Una funzionalità che per gli uomini potrebbe rappresentare un ottimo stimolo a indossare con maggiore regolarità il preservativo. i.Con sarà in vendita nel 2017, ma per ora è possibile preordinare il dispositivo alla cifra di 59.99 sterline (poco più di 70 euro).

 

 

 
 
 

da sapere!

i.Con si ricarica come uno smartphone in circa un’ora. È resistente all’acqua ed è possibile lavarlo senza grossi problemi. Si adatta a qualunque preservativo e non presenta controindicazioni.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti