Sesso: aperti i primi “pronto soccorso” per la coppia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/08/2014 Aggiornato il 07/08/2014

Sesso: in alcuni ospedali pubblici sono stati attivati i Dipartimenti per il Benessere della Coppia. Ecco di che cosa si occupano

Sesso: aperti i primi “pronto soccorso” per la coppia

Eiaculazione precoce? Problemi a raggiungere l’orgasmo? Rapporti poco soddisfacenti? Oggi la coppia alle prese con problemi di sesso non è più da sola. In alcuni ospedali pubblici, infatti, sono stati aperti i primi “pronto soccorso sessuali”, in cui urologi e ginecologici collaborano per aiutare i due partner in difficoltà a ritrovare l’intesa sessuale.  

I numeri del problema

Secondo le stime, almeno sei milioni di italiani soffrono di disagi e problematiche che possono compromettere la vita sessuale e, quindi, la serenità e la durata della coppia. Basti pensare che oltre tre milioni di uomini sono interessati da disfunzione erettile, circa quattro milioni da eiaculazione precoce e circa un milione da calo del desiderio. Non va meglio alle donne: quattro milioni e mezzo non riescono a raggiungere l’orgasmo, circa un milione sono affette da vaginismo, due milioni da dolore alla penetrazione e due milioni e mezzo da disturbi del desiderio.

L’impegno dei medici

Proprio per aiutare le persone alle prese con difficoltà legate al sesso, la Società italiana di urologia (SIU) e l’Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani (AOGOI) hanno promosso l’apertura dei primi Dipartimenti per il Benessere di Coppia negli ospedali pubblici. Il primo luglio è stato inaugurato quello di Napoli, ma a breve partiranno anche quelli di Milano, Modena e Bari.

Due medici per due pazienti

“Le disfunzioni sessuali viaggiano in coppia: i disturbi del partner inevitabilmente provocano effetti collaterali sull’altro, tanto che si può parlare di “coppie di danni” e “danni di coppia”. Se, per esempio, lui ha una disfunzione erettile, non è difficile che lei lamenti vaginismo o dolore durante la penetrazione” ha spiegato Vincenzo Mirone, Segretario Generale SIU. “Proprio perché i problemi legati al sesso sono di coppia, per essere adeguatamente risolti devono essere affrontati considerando entrambi i partner, cercando di stabilire un dialogo profondo, empatico, e senza reticenze” ha aggiunto Antonio Chiàntera, Segretario Nazionale AOGOI. Ecco perché in questi centri lavorano in stretta collaborazione un urologo e un ginecologo. 

In breve

SI PAGA PER UNO

Poiché i pazienti non sono i singoli, ma la coppia, per accedere ai nuovi Dipartimenti si paga un solo ticket. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti