Sesso, che tristezza!

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 31/10/2018 Aggiornato il 31/10/2018

Non solo le donne, anche gli uomini possono essere tristi dopo il sesso. Si chiama disforia post coitale e indica uno stato di tristezza, irritabilità e ansia che può portare anche alle lacrime

Sesso, che tristezza!

Secondo numerosi studi, essere tristi dopo il sesso non è poi così raro. Riassumibili sotto il nome di disforia post coitale (Dpc), questi sentimenti erano però considerati, fino a oggi, una questione prettamente femminile. Pubblicata sulla rivista medica Journal of Sex&Marital Therapy, una ricerca australiana della Queensland University of Technology ha invece ribaltato la prospettiva e indagato, con risultati sorprendenti, l’incidenza di Dpc su oltre 1.200 uomini.

Colpito quasi 1 su 2

Il campione analizzato dai ricercatori ha coinvolto uomini provenienti da Australia, Nuova Zelanda, Regno Unito, Stati Uniti, Russia e Germania rivelando come il 4% dei soggetti dopo il sesso provasse regolarmente Dpc. La percentuale sale fino al 41% quando si prendono in esame le risposte in merito alle sensazioni provate nei rapporti avuti nel mese precedente l’indagine. Ma quali pensieri e sensazioni accompagnano gli stati di Dpc? Spesso, chi ne soffre non vuole essere toccato, vuole essere lasciato solo, prova insoddisfazione e fastidio o vorrebbe andare il più lontano possibile dal luogo in cui ha fatto sesso. In numerosi casi, ci si sente tristi, vuoti e privi di emozioni.

Pesa sulla vita di coppia

Dunque, anche per gli uomini il sesso non parrebbe essere sempre appagante e foriero di sensazioni positive. Secondo i ricercatori, le cause scatenanti potrebbero derivare da diversi fattori di origine biologica e psicologica. Quello che è chiaro è l’effetto negativo della Dpc sulla vita di coppia. Infatti, la disforia post coitale provoca spesso disagio e conflitto all’interno della coppia, influendo negativamente sulla relazione in generale e sul sesso in particolare.

 

 

Da sapere!

 

Parlare e farsi le coccole dopo un rapporto si rivela spesso un importante tassello per veder crescere l’intimità con il partner.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti