Sesso dopo il parto? Le donne “aspettano” dai 2 ai 6 mesi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/03/2013 Aggiornato il 20/03/2013

La maggior parte delle neomamme dichiara di avere bisogno di tempo prima di riprendere ad avere rapporti intimi con il partner. In genere, per il sesso dopo il parto occorrono fino ai 6 mesi

Sesso dopo il parto? Le donne “aspettano” dai 2 ai 6 mesi

Secondo quanto emerso da un’indagine condotta da un team di ricercatori australiani, coordinati dalla dottoressa Ellie McDonald (del Murdoch Childrens Research Institute di Melbourne), per il sesso dopo il parto occorre che passi un certo periodo di tempo. In particolare, dalle 6 alle 24 settimane.

Sono state oltre 1.500 le donne coinvolte nell’indagine; tutte madri che avevano partorito il primo figlio, e che sono state interrogate circa i loro rapporti sessuali entro un anno dalla data del parto. 
I dati raccolti e i risultati definitivi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Bjog (An International Journal of Obstetrics and Gynaecology) e hanno evidenziato come il 41% delle donne riprende i rapporti dopo sei settimane, mentre un altro 24% riprende il sesso dopo il parto dopo due mesi, il 13% aspetta tre mesi e il 16% rinvia fino a sei mesi  il sesso dopo il parto. Un ultimo 6% va addirittura oltre.
Tra i fattori che più tendono a posticipare la ripresa dei rapporti intimi ci sono il parto cesareo, l’uso di strumenti medici per favorire l’espulsione del bambino e le incisioni perineali. Poiché, stando alle statistiche, soltanto il 10% delle donne dà alla luce il primo figlio senza subire un trauma al perineo, secondo i ricercatori è ragionevole supporre che per la maggior parte delle coppie vi sia un ritardo nel riprendere rapporti sessuali vaginali dopo il parto.

In breve

MOLTO DIPENDE DA COME È STATO IL PARTO

Tra i fattori che concorrono a posticipare la ripresa dei rapporti intimi vi sono il parto cesareo, i punti dell’episiotomia e l’impiego di attrezzi medici per favorire la nascita del bambino

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.   »

Bimba di sei anni che tiranneggia mamma e fratello: che fare?

08/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una bambina costantemente ribelle, che fa continui capricci e assume atteggiamenti provocatori probabilmente ha solo bisogno dei famosi paletti, che segnano il limite da non superare e, per quanto strano possa apparire, fanno sentire i figli amati, protetti, accuditi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti