Sesso: il bebè è arrivato? Attenzione al calo del desiderio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/08/2014 Aggiornato il 11/08/2014

Sesso: secondo gli esperti, dopo la nascita di un bambino molte coppie entrano in crisi e sperimentano un calo del desiderio. Ecco perché

Sesso: il bebè è arrivato? Attenzione al calo del desiderio

La nascita di un bambino rappresenta un evento unico e meraviglioso per la coppia. Tuttavia, non è tutto rose e fiori. Non è affatto raro che il sesso vada in crisi e che i genitori vadano incontro a un calo del desiderio: ma recuperare il benessere sessuale non è impossibile. Lo hanno spiegato gli esperti in occasione del convegno “Dolore in ostetricia, sessualità e disfunzioni del pavimento pelvico – Il ruolo del ginecologo nella prevenzione e nella cura”, organizzato dalla Fondazione Alessandra Graziottin onlus per la cura del dolore nella donna.

Il post parto è una fase delicata per le donne

Dopo il parto la donna attraversa una fase molto delicata, dal punto di vista psicologico ma anche fisico. In primo luogo va incontro a un calo del livello degli estrogeni e a un aumento di quello delle molecole infiammatorie: una situazione che si traduce in sbalzi di umore e in maggiore tendenza alla tristezza. Inoltre, spesso soffre di anemia, una condizione che causa stanchezza e affaticamento e raddoppia il rischio di depressione. Senza dimenticare che prova un dolore diffuso all’area genitale e secchezza vaginale. Infine, ha alti livelli di prolattina, una sostanza che induce un calo del desiderio con ripercussioni sul sesso. Non deve stupire, quindi, che la sua vita sessuale non sia al top.  

Anche gli uomini possono avere delle difficoltà

Ma le difficoltà non riguardano solo le neomamme. Anche gli uomini molte volte sono a disagio. Secondo recenti dati, il 20-25% lamenta episodi di disfunzione erettile  già durante la fase di ricerca del bebè. Dopo il parto, la percentuale può arrivare fino al 40%. “Dopo il parto sono fattori psicologici in primis, modificazioni nell’anatomia femminile, cambiamenti ormonali ed esiti cicatriziali dell’episiotomia che causano dolore a inibire il desiderio e la risposta sessuale dell’uomo” ha spiegato il dottor Giorgio Piubello, andrologo.

I rimedi esistono

In molti casi, con il tempo il sesso si normalizza. Ma può anche succedere che il calo del desiderio e i problemi si cronicizzino, mettendo in serio pericolo la coppia. Per questo gli esperti invitano i partner in difficoltà a chiedere aiuto. Spesso, già il solo parlarne con uno specialista fa stare meglio. Comunque, esistono anche delle cure mirate: “Integratori per la donna, che in questo periodo particolare della sua vita ha bisogno di un apporto maggiore di ferro, magnesio, acido folico e vitamina B12 (e se necessario estrogeni per via locale); inibitori della fosfodiesterasi PDE5 per lui, meglio se orodispersibili perché la velocità di azione che li contraddistingue meglio si adatta alle esigenze di una coppia che ha appena avuto un bambino” ha spiegato la professoressa Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia medica H. San Raffaele Resnati di Milano.

In breve

VIA LIBERA AI BACI

Per combattere il calo del desiderio e rinsaldare l’unione è fondamentale anche baciarsi. Non in maniera frettolosa, ma con trasporto e intensità: si tratta di un gesto che cementa il rapporto e stimola i neurotrasmettitori legati alla risposta sessuale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti