Sesso: insoddisfatte due italiane su tre

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/09/2018 Aggiornato il 04/09/2018

Oggi è la Giornata internazionale del benessere sessuale, promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Ma da noi passa quasi inosservata

Sesso: insoddisfatte due italiane su tre

“Il benessere sessuale è fondamentale per la salute stessa e la felicità delle persone. Questo ha un evidente impatto positivo sulle società e i Paesi”, scrive l’Organizzazione mondiale della sanità in occasione della giornata del benessere sessuale che si celebra il 4 settembre. Anche in Italia, solo che da noi se ne parla molto poco. Eppure di cose da dire ce ne sarebbero… a cominciare dal fatto che ben tredici milioni di italiane, cioè 2 su 3, si dichiarano scontente della loro vita sessuale e ritengono che il sesso con il partner sia inadeguato e troppo sporadico. Gli uomini che non si sentono appagati fra le lenzuola sono, invece, 11 milioni. I problemi spesso sono causati da disturbi sessuali dell’uomo, che però stenta a volerli riconoscere.

Per le donne è un problema di coppia

Sei donne su dieci pensano che si tratti di un problema di coppia e vorrebbero discuterne dal medico assieme al partner: “lui” però, in caso di disturbi sessuali, si accontenta, fa finta di niente e non ne vuole parlare o addossa la colpa alla donna; uno su dieci addirittura abbandona del tutto il sesso e nella metà dei casi proprio per la sua incapacità di avere rapporti adeguati. Lo rivelano i dati di un’indagine su benessere sessuale e disfunzione erettile, condotta su 3.000 uomini e donne dalla Società Italiana di Andrologia Medica e Medicina della Sessualità (SIAMS).

Una consapevolezza diversa

I risultati dipingono uomini e donne con una consapevolezza diversa del sesso e di ciò che vorrebbero dai rapporti. Le donne oggi si rendono conto che un disturbo di lui può avere ripercussioni anche sul proprio benessere e vogliono cercare soluzioni: la disfunzione erettile, uno dei disturbi sessuali più comuni che spesso si associa ad anorgasmia nella partner, è ritenuta un problema della coppia da affrontare in due dal 57% delle donne ma appena dal 22% degli uomini”.

Mancanza di dialogo tra i partner

Colpisce anche la mancanza di dialogo: in caso di disfunzione erettile, il 20% degli uomini non vuole parlarne affatto, mentre il 95% delle donne ritiene sia un problema da affrontare. E c’è perfino un 25% di uomini secondo cui è giusto che a trovare una soluzione sia soltanto lei, autoassolvendosi da ogni responsabilità. Un altro dato emblematico, che non fa che confermare questa tendenza, è che il 75% degli uomini è convinto che andare dal medico da solo sia la scelta giusta, mentre il 59% delle donne vorrebbe farlo insieme a lui, perché considera il problema come di coppia.

In breve

GLI UOMINI TENDONO A IGNORARE I PROBLEMI

Due italiane su tre sono insoddisfatte della loro vita sessuale, ma hanno capito che una sessualità appagante è tale solo se entrambi i componenti della coppia sono soddisfatti e se gli eventuali disturbi vengono affrontati in due, cercando soluzioni dal medico; gli uomini, invece, tendono a fare finta di niente.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti