Sesso, metà degli uomini non usa il preservativo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/10/2015 Aggiornato il 23/10/2015

Sono molti i maschi italiani che non usano il condom perché sostengono di non provare piacere. Per quasi il dieci per cento riduce le prestazioni. Attenzione ai rischi del sesso non protetto

Sesso, metà degli uomini non usa il preservativo

Per i maschi italiani l’uso del preservativo è ancora un optional. A confermare questa tendenza è un’indagine condotta dalla Federazione italiana di sessuologia scientifica. Tra gli ottocento intervistati è emerso che gli uomini trovano qualunque scusa pur di non ricorrere al preservativo. Ma la cosa peggiore è che lo fanno pur sapendo i rischi che si corrono.

Limita il piacere

Il 45 per cento di quelli che non usano il condom nei rapporti sessuali ritiene di non farlo perché  ridurrebbe il piacere, in barba al rischio di contrarre malattie veneree. Il 9,5 per cento ammette di aver paura di non essere “prestante” e solo l’1 per cento dice di non utilizzare il preservativo solo perché costa troppo.

Uomini consapevoli dei rischi

Riguardo al rischio di contrarre malattie da rapporti non protetti i maschi sono, però, abbastanza informati. Per il 46,8 per cento degli intervistati la probabilità di rimanere infetti è alta;  per il 28,5 per cento non è così elevata da far allarmare. Riguardo al rischio gravidanza, il 50,7 per cento pensa che sia alto, mentre per il 2,93 per cento sarebbe inesistente!

L’atteggiamento delle donne

E le donne che cosa dicono dell’incoscienza degli uomini che non usano il preservativo? Per il 52,43 pe rcento il rischio di contagio è rilevante, mentre per solo per l’1,27 per cento delle intervistate non si corrono pericoli per la salute. A differenza dei maschi, però, le donne possono ricorrere ad altri metodi contraccettivi: con la pillola, infatti, si evitano gravidanze indesiderate. Meno in uso sono la spirale e l’anello vaginale.

 

 
 
 

In breve

 INFEZIONI SESSUALI  IN AUMENTO

 Proteggersi durante i rapporti è importante per preservare la propria salute e quella del partner. Gli strumenti ci sono per evitare di contrarre infezioni come il papilloma virus, la sifilide, la clamidia e, nei casi peggiori, l’aids.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti