Sesso: più hot in prime nozze

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/04/2015 Aggiornato il 07/04/2015

Il sesso è più soddisfacente se la coppia è alla prima esperienza matrimoniale. Più tiepido in seconde nozze

Sesso: più hot in prime nozze

Il sesso nel matrimonio è da sempre visto come una sorta di chimera, un qualcosa che va scemando man mano che cresce il numero di anni trascorsi insieme. In realtà, recenti studi rivelano una realtà inaspettata e interessante.

Non sempre si raffredda

Un recente studio condotto dai ricercatori della Louisiana State University, della Florida State University e della Baylor University (autori di un lavoro su “Archives of Sexual Behavior”) parla di sesso nel matrimonio come di una variabile dall’andamento inaspettato. Infatti, se è vero che nei primissimi anni di vita insieme il sesso fa scintille, per poi “calmarsi”, è altrettanto vero che se si resiste tanto abbastanza a lungo la fiamma del sesso nel matrimonio può incredibilmente riaccendersi assumendo tinte hot.

Quando è più soddisfacente

Lo studio americano ha evidenziato anche un’altra sorprendente verità, ovvero che per chi si sposa una volta sola, il sesso nel matrimonio è decisamente più caldo e passionale. Ma come è stato condotta la ricerca? Gli scienziati hanno preso in considerazione un campione di 1.656 adulti sposati, di età compresa tra i 57 e gli 85 anni.

Più anni insieme, più complicità

I dati emersi dalla ricerca sul sesso nel matrimonio, hanno evidenziato anche che esisterebbe un curioso ritorno di fiamma e passione superata la boa dei 50 anni di matrimonio ma che, ovviamente, sono poche le coppie in grado di resistere più a lungo. Ma perché con gli anni si riaccenderebbe la passione, fino a far diventare davvero piccanti i rapporti  tra coniugi? Il segreto risiederebbe nella complicità e nell’intimità sviluppate negli anni, che porterebbero a creare un clima più aperto e confidenziale anche a letto.

Questione di fiducia

Samuel Stroope, sociologo presso la Louisiana State University, ipotizza che si tratti di una questione di fiducia: più ci si fida del partner (e la fiducia è direttamente proporzionale al grado di conoscenza reciproca), più si sarebbe portati a investire nel sesso matrimoniale invece che in fugaci avventure extra-coniugali.

Più instabili  i risposati

Lo studio americano afferma anche che il sesso sarebbe più soddisfacente in prime nozze rispetto a quello praticato dai risposati. Il motivo ipotizzato risiede nel mancato senso di permanenza e di durata che potrebbero dare le seconde o terze nozze, proprio perché si è già vissuto il verificarsi dell’impermanenza con il primo divorzio.

 

 

 

lo sapevi che?

Le coppie datate, over 70, fanno più sesso rispetto a tanti quarantenni in seconde nozze. Questo accade grazie alla presenza di un elevato grado di fiducia e alla consapevolezza che la promessa matrimoniale possa essere davvero “eterna”.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti