Troppo web fa male al sesso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/05/2015 Aggiornato il 25/05/2015

In brusco calo il numero di rapporti sessuali: colpa di tablet e smartphone. È crisi di coppia

Troppo web fa male al sesso

Il 90% delle coppie in crisi che si rivolge a un terapeuta ha un problema di distrazione cronica nel momento in cui si va a letto e questa distrazione in genere dipende da telefonino, tablet, computer portatile. Insomma, si preferisce chattare o navigare invece che fare l’amore.

 L’incapacità di staccarsi dalla Rete

L’indagine, condotta da David Spiegelhalter, statista dell’Università di Cambridge e autore del volume “Il Sesso per cifre”, ha messo in evidenza il notevole calo della media dei rapporti sessuali  delle coppie: la percentuale nel Regno Unito si è ridotta dalle quattro al mese rilevate nel 2000 alle tre di oggi. Ancor peggio se si confronta con il 1990: allora i rapporti intimi erano ben cinque al mese.

Colpa di Internet

Spiegelhalter ha detto che, anche se è difficile individuare le ragioni profonde di questo declino, sicuramente un ruolo l’ha avuto l’essere collegati sempre e comunque a internet e la diffusione capillare dei dispositivi mobili. Secondo l’esperto un tempo c’era un’enorme separazione tra la vita pubblica e quella privata. Ora queste due sono assolutamente integrate. Le persone controllano continuamente gli sms, i messaggi di posta elettronica e le chat.

Il problema esiste anche in Italia

Vito Frugis, sessuologo clinico ed esperto in terapia della coppia, ha commentato l’indagine inglese rivelando che, sia pure con dati meno allarmanti, la questione trova riscontro anche nel nostro Paese perché attiene a un modello che, attraverso i media, viene filtrato e appreso dalle nuove generazioni. Nella maggior parte dei casi, è la donna a lamentarsi di questo problema, mentre l’uomo si scusa adducendo motivazioni di lavoro che lo tengono attaccato allo schermo.

Un escamotage alla noia

È importante non confondere la causa con l’effetto: il cellulare non è la causa del problema di coppia, ma è solo una conseguenza; per chi è “malato” di noia, di abitudine, occupare buona parte serata sul divano o sul letto fra chat e siti è un modo per evidenziare che qualcosa non va. Il sessuologo suggerisce di provare, invece, a utilizzare in modo positivo i dispositivi, per esempio provando le app che propongono giochi sessuali che possono aiutare la coppia a ritrovare l’intesa nell’intimità.

 

 

 

 

In breve

ATTENZIONE ALLE CONSEGUENZE

Nei casi più gravi vivere la tecnologia in maniera esagerata può provocare ansia da prestazione e vere e proprie disfunzioni erettili negli uomini, impotenza di natura psicologica e assenza di desiderio nelle donne.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti