Shopping: le regole con i bambini

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/07/2019 Aggiornato il 08/07/2019

Sono partiti i saldi in tutta Italia e fare shopping con i bambini può essere una necessità. Ecco come farlo senza problemi

Shopping: le regole con i bambini

Quando si tratta di fare shopping andare con i bambini mette di cattivo umore? Assolutmente no. Le famiglie italiane lo fanno volentieri con i loro bambini: il 73% fa acquisti insieme ai figli la maggior parte delle volte, il 30% addirittura mai senza di loro. È quanto emerge dall’indagine realizzata da Neinver (società che gestisce i maggiori outlet), insieme all’Anpe, Associazione nazionale pedagogisti italiani.

Svago per tutta la famiglia

Concentrato soprattutto nel week end per l’80% degli italiani, lo shopping viene vissuto da più del 40% come un momento per la famiglia, con punte del 47% per i papà. Solo un genitore su quattro lamenta che il proprio bimbo tocchi tutto ciò che vede esposto, corra per il negozio (23%) o faccia i capricci perché gli si compri qualcosa (23%). Di fronte a un “no”, pianti (9%) e urla (11%) sono la prassi di una minoranza di bambini.Ma solo il 10% dei genitori reagisce con un rimprovero severo. Il vero problema è la noia. Il 44% dei genitori, infatti, si trova in difficoltà solo quando i piccoli si stancano, perché è allora che iniziano a lamentarsi.

I consigli per uno shopping sereno

L’Anpe ha stilato una lista di consigli, utile per chi ha figli tra i 3 e i 9 anni, per uno shopping sereno con i propri figli. Prima di tutto, per ridurre i capricci, è meglio evitare le compere quando i bambini sono stanchi. Anche i genitori non devono essere stanchi, altrimenti saranno molto più irritabili e meno inclini al dialogo. È utile anticipare ai bambini dove si andrà e cosa si farà: dire chiaramente il motivo dell’uscita e che cosa si comprerà evitate di creare false aspettative. Ricordare quali sono le regole da seguire prima di arrivare ai negozi: non ci si allontana dai genitori, si saluta quando si entra o si esce da un negozio, se si vuole vedere un oggetto si chiede prima il permesso ai genitori.

La coerenza premia

Altrettanto importante è la coerenza e il rispetto dei patti da parte dei genitori: se si promette l’acquisto di un gioco, non si potrà poi fare  dietro-front, mentre se si è già annunciato che non verrà preso un regalino, poi non bisognerà cedere alle richieste. Meglio far fare merenda ai bambini prima dello shopping: come per la stanchezza, anche se ha fame il bambino diventa capriccioso. Se gli acquisti si protraggono, è bene fare una pausa al parco giochi o in un punto di svago così che i bambini possano muoversi e divertirsi. Utile anche portare con sé un libro o un gioco da sfoderare nei momenti critici. Lo shopping si può anche trasformare in un’esperienza educativa, rendendo i bambini partecipi, chiedendo loro suggerimenti e insegnando il valore del denaro, rinforzando il comportamento positivo del bambino.

 

 

 

lo sapevi che?

Mamme e papà italiani tengono conto dei desideri dei figli durante lo shopping: lo fa il 58%; solo il 20%, invece, sceglie senza tener conto di ciò che il bimbo chiede.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti