Sigaretta elettronica: attenzione a feto e adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/10/2014 Aggiornato il 06/10/2014

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità la sigaretta elettronica rappresenta un grave pericolo per i nascituri e i ragazzi. Ecco perché

Sigaretta elettronica: attenzione a feto e adolescenti

Fin da quando è stata immessa in commercio la sigaretta elettronica è protagonista di un vivace dibattito. Praticamente da subito si sono create due fazioni contrapposte: da un lato i suoi sostenitori, convinti che sia del tutto innocua o comunque meno dannosa delle normali sigarette, dall’altro i detrattori, certi che rappresenti un pericolo per la salute. Fino a ora le istituzioni non si erano mai sbilanciate troppo. In vista della Conferenza delle Parti (Cop) alla Convenzione quadro dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sul tabacco, che si terrà dal 13 al 18 ottobre a Mosca, invece le cose sono cambiate.

Finora nessuna presa di posizione

L’Oms, prima di oggi, non si era mai schierata apertamente contro le sigarette elettroniche. Aveva, però, sempre sostenuto la necessità di compiere degli studi per verificare la loro sicurezza e di effettuare delle ricerche per valutare le dichiarazioni delle aziende, secondo cui questi prodotti possono aiutare i fumatori a smettere. Recentemente, invece, ha pubblicato un documento in cui afferma che la sigaretta elettronica costituisce “un grave pericolo per l’adolescente e il feto”.

I nuovi dati

Da dove nasce questo deciso cambio di rotta? L’Oms ha spiegato che sono state raccolte evidenze sufficienti per ritenere che l’uso di inalatori di nicotina elettronici, in primis di sigarette elettroniche, metta a rischio la salute di nascituri, bambini e adolescenti, ma anche di donne in gravidanza e in età fertile. Infatti, a differenza di quanto sostengono le aziende produttrici, l’aerosol prodotto da questi inalatori non è semplice “vapore acqueo”.

Un pericolo per i non fumatori

Inoltre, gli esperti hanno spiegato che, alla luce dei nuovi studi, pare che l’uso della sigaretta elettronica aumenti l’esposizione dei non fumatori alla nicotina e a un certo numero di sostanze tossiche.

Divieto di utilizzo nei luoghi pubblici

Per tutte queste ragioni, l’Oms raccomanda di non vendere sigarette elettroniche ai minorenni e di vietare il fumo delle sigarette elettroniche negli spazi pubblici chiusi, come ospedali, scuole, uffici della pubblica amministrazione. Tuttavia, ammette anche che l’uso di questi dispostivi è probabilmente meno rischioso di quello delle sigarette normali, a maggior ragione se opportunamente regolamentato: infatti, comporta una tossicità minore per i fumatori.

In breve

GIA’ IN DECLINO?

In Italia la sigaretta elettronica è decollata rapidamente. Ma sembra che ora il numero dei consumatori sia diminuito in modo consistente. Basti pensare che nel 2013 il 60% dei negozi che trattava questo articolo ha chiuso.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Talco al cambio del pannolino? Meglio di no!

25/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Il talco è un prodotto che non è opportuno usare per la cura dei bambini perché può causare vari problemi.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti