Sigaretta elettronica: il vapore emesso contiene metalli tossici

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/10/2014 Aggiornato il 13/10/2014

Poco rassicuranti i risultati dell’analisi sugli effetti del fumo passivo da sigaretta elettronica in confronto a quelli delle sigarette tradizionali

Sigaretta elettronica: il vapore emesso contiene metalli tossici

Un nuovo studio americano ha analizzato la composizione del fumo di seconda mano per quanto riguarda la sigaretta elettronica. Si tratta di una ricerca dell’USC University of Southern California di Los Angeles, condotta in collaborazione e con il finanziamento della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

Livelli dei metalli tossici 4 volte più alti

I ricercatori hanno scoperto che il fumo passivo da sigaretta elettronica se, da un lato, ha una produzione 10 volte inferiore di particelle nocive e non presenta quasi nessun agente cancerogeno organico (il fumo di tabacco contiene alti livelli di idrocarburi policiclici aromatici, che sono noti composti organici cancerogeni, per cui anche quello di seconda mano è pericoloso), contiene però elementi potenzialmente tossici, come cromo e nichel, a livelli quattro volte superiore rispetto alle normali sigarette. Ci sono, inoltre, diversi altri metalli tossici presenti nel fumo delle e- sigaretta, come il piombo e lo zinco, anche se comunque in concentrazioni inferiori rispetto alle sigarette normali. 

Uffici e sale d’attesa

Per la ricerca sono state eseguite le misurazioni in uffici e sale d’attesa, ovvero ambienti in cui è più probabile essere esposti al fumo passivo. I volontari che hanno partecipato allo studio, hanno fumato sia tradizionali sigarette sia e-cig, mentre i ricercatori hanno raccolto campioni di particelle dell’aria interna e studiato il contenuto chimico.

Nuovi standard produttivi

Secondo il principale autore dello studio, Arian Saffari,  le particelle di metallo provengono probabilmente dalla cartuccia della sigaretta elettronica; questa scoperta potrebbe essere sfruttata per migliorare gli standard di fabbricazione dei dispositivi e, quindi, ridurre la quantità di metalli tossici nel fumo. Studi di questo genere sono necessari per l’attuazione di misure di regolamentazione efficaci. Le sigarette elettroniche sono ancora un prodotto nuovo, e quindi non ci sono ancora molte ricerche disponibili su di esse. 

In breve

E-CIG: TUTT’ALTRO CHE INNOCUE

I risultati della ricerca dimostrano che in generale le sigarette elettroniche sembrano essere meno dannose rispetto alle sigarette normali, come ha spiegato il dottor Constantinos Sioutas dell’università californiana, ma il loro elevato contenuto di metalli tossici desta comunque serie preoccupazioni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti