Sport: quando sono i bambini a incentivare mamma e papà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/11/2013 Aggiornato il 13/11/2013

Portare i bambini in piscina o a camminare può essere uno stimolo positivo per i genitori. Così la famiglia si dedica insieme a uno sport

Sport: quando sono i bambini a incentivare mamma e papà

 

Chi l’ha detto che sono sempre i genitori a dover spronare i bambini a fare uno sport? A volte, può accadere il contrario. Questo, perlomeno, è quanto si augura il Sindacato medici pediatri di famiglia (Simpef). Secondo gli esperti, infatti, è tempo di dire addio allo stereotipo del genitore un po’ frustrato che riversa sul figlio le sue ambizioni sportive deluse. Oggi, i bambini devono essere uno stimolo a fare sport per tutta la famiglia.

Un’occasione da non perdere

Portare il figlio in piscina o al centro sportivo può essere per i genitori l’occasione per ricominciare a fare sport. Invece di stare a guardare i bambini che si muovono, anche i genitori possono iniziare a fare sport insieme a loro, condividendo lo stesso spazio, tipo la palestra, o anche lo stesso sport.

Un esempio è il triathlon

Secondo Rinaldo Missaglia, presidente Simpef, sono due in particolare le attività adatte a tutti i componenti del nucleo famigliare. Innanzitutto, il triathlon, ossia nuoto, corsa e bicicletta praticati in sequenza. Si tratta, infatti, di tre attività che si possono fare a tutte le età. “Spesso i genitori portano i figli a nuotare, poi scoprono questa attività di cui a volte non avevano mai sentito parlare, e si appassionano anche loro” ha spiegato Missaglia. In effetti, degli oltre 700 iscritti al Campionato italiano di triathlon che si è tenuto a inizio ottobre a Lovadina (Treviso), la metà erano proprio genitori.

Via libera alla camminata

L’altro sport perfetto per grandi e piccini è il nordic walking, che consiste in una camminata naturale e fluida, ma intensificata dall’utilizzo di bastoncini speciali. In generale, la camminata di qualsiasi tipo è indicata per tutta la famiglia, dal trekking alle uscite con le ciaspole, dalle passeggiate nei parchi fuori città alle escursioni in montagna.

Tanti vantaggi

Lasciarsi “trascinare” dai figli a fare sport è un bene per tutti. Innanzitutto, si tratta di un modo per passare del tempo insieme, facendo esperienze diverse e divertenti. Inoltre, occorre ricordare che muoversi è benefico per i bambini, ma anche per i genitori. Apporta, infatti, sia vantaggi dal punto di vista fisico sia da quello psicologico. 

In breve

NON FORZARE I PIÙ GRANDI

I ragazzi più grandi potrebbero non avere piacere che mamma e papà frequentino la loro stessa piscina o la loro stessa palestra. In questo caso, almeno all’inizio, è meglio che i genitori facciano sport in luoghi diversi da quelli frequentati dai figli. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti