Stress infantile: bambini colpiti da tensioni in famiglia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/04/2014 Aggiornato il 17/04/2014

Se in famiglia ci sono tensioni, il bimbo si ammala di più. Lo stress, infatti, colpisce gravemente il sistema immunitario infantile

Stress infantile: bambini colpiti da tensioni in famiglia

Lo stress in famiglia è una tortura sia per gli adulti sia per i bambini. Infatti, le tensioni tra marito e moglie o, comunque tra parenti, portano a un aumento indiscriminato del livello di stress percepito e assimilato dai piccoli di casa. Il risultato? Il sistema immunitario dei bambini viene colpito duramente e si indebolisce.

Più cortisolo, meno difese

Una ricerca condotta dalla Jonkoping University (Svezia) ha permesso agli scienziati di scoprire che i bimbi con famiglie “litigiose” o in crisi, hanno elevati livelli di cortisolo (detto, appunto, ormone dello stress), il quale a sua volta colpisce negativamente il sistema immunitario rendendo il bimbo più esposto a infezioni virali e batteriche. Si è giunti a tale conclusione, analizzando famiglie problematiche, con bimbi di 5 anni. Oltre ad aver osservato il picco di cortisolo nelle situazioni più tese e difficili, è stato anche notato che il sistema immunitario risulta ancor più compromesso quanto più la tensione si protrae nel tempo. Tra le differenti reazioni allo stress, vi sono sia un indebolimento generale dell’organismo (con disturbi correlati) sia vere e proprie reazioni autoimmuni (più gravi).

Vittime dell’ansia degli adulti

Ciò che colpisce di questa ricerca svedese è che, a fare le spese dello stress adulto, siano proprio i bambini (anche molto piccoli). Infatti, benché le risposte dell’organismo adulto alle difficoltà portino a situazioni psicofisiche di disagio o patologiche, ciò che preme è l’urgenza di sottrarre i bambini (le vere vittime) a tale tortura psicologica passiva. Infatti, anche il solo pensiero che un bimbo di cinque anni possa sostenere il peso di tensioni familiari prolungate e per questo rischi di ammalarsi, è agghiacciante e inaccettabile.

Non vanno lasciati soli

Per prevenire tali disagi e conseguenze drammatiche, è necessario che l’intera rete sociale si attivi per sostenere le famiglie in difficoltà e ridurre il livello di stress complessivo all’interno del contesto familiare. Per fare ciò, è opportuna una strategia multilivello che si occupi, quindi, di fornire un aiuto psicologico all’adulto e di risolvere nel modo migliore dinamiche relazionali patologiche. Così come è, senza alcun dubbio, necessario che i bambini siano ascoltati frequentemente da esperti e accompagnati nel percorso di “ricomposizione” di una sufficiente serenità familiare.

In breve

OCCORRE AIUTARE LE FAMIGLIE IN CRISI

Lo stress in famiglia indebolisce il sistema immunitario dei bambini. Per evitare conseguenze drammatiche, è opportuno intervenire sulle dinamiche familiari. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti