Baby sitter: i trucchi per sceglierla bene

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 31/08/2020 Aggiornato il 07/10/2020

Quando la mamma rientra al lavoro dopo la maternità, spesso deve affidarsi a una baby sitter. Ma quali sono i requisiti che deve avere? Ecco qualche indicazione

Baby sitter: i trucchi per sceglierla bene

Settembre è tempo di rientri e ripartenze. Se mamma e papà lavorano tutto il giorno e nonni o altri parenti non sono disponibili, per gestire i bambini dopo la scuola e accudire quelli che ancora non vanno all’asilo o sono malati, una delle poche strade percorribili consiste nel ricorrere alla baby sitter. Ma come sceglierla? Ecco qualche indicazione.

Sì al passa parola

Solitamente le famiglie alle prese con la scelta della baby sitter si affidano per prima cosa al passa parola. Si tratta di una buona strategia: chiedere all’amica, alla signora che si incontra ai giardinetti o alla collega fa risparmiare soldi rispetto all’agenzia, che ha dei costi. Come ricordano gli esperti della Sipps,  la Società italiana di pediatria preventiva e sociale,  nella guida “Il bambino nella sua famiglia”, anche il pediatra potrebbe aiutare i genitori a mettersi in contatto con altre mamme o proporre, se li conosce, siti web e associazioni seri.

Una scelta che va ponderata

In ogni caso bisogna fare attenzione e selezionare con cura le possibili candidate. È bene raccogliere il maggior numero possibile di informazioni su di loro, chiedendo dettagli a chi le ha consigliate. Poi è essenziale programmare un colloquio conoscitivo per conoscere la tata, capire che tipo di soggetto si ha di fronte e fare tutte le domande del caso. In alternativa, per scegliere la baby sitter ci si può affidare alle apposite agenzie, anche online.

I requisiti essenziali

Ma quali sono i requisiti che deve avere la baby sitter? Ovviamente molto dipende dalle esigenze dai genitori. “Tuttavia, esperienza, dolcezza, senso di responsabilità sono caratteristiche base che non dovrebbero mai mancare” dicono i pediatri della Sipps. Spetta ai genitori spiegare alla tata cosa si aspettano da lei e le regole che vogliono che lei segua quando è con il bambino. Sì anche a specificare i paletti che si desidera che mantenga sull’educazione del piccolo e su tutto ciò che può o non può fare quando è con lei.

Iniziare con gradualità

In tutti i casi, una volta scelta la baby sitter, è bene testarla sul campo, facendo un periodo di prova. In questo modo, si può verificare che sia effettivamente in possesso dei requisiti ritenuti fondamentali dai genitori e che abbia un buon feeling con i bambini. È bene non iniziare immediatamente con una full immersion: se possibile, almeno agli inizi, farla lavorare per poche ore al giorno. In questo modo, i piccoli di casa possono abituarsi in modo graduale alla sua presenza.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Prima di lasciare il bambino con la baby sitter, è importante spiegarle quali sono le sue abitudini di gioco, di riposo e di alimentazione.

 

Fonti / Bibliografia

  • IL BAMBINO NELLA SUA FAMIGLIA - GUIDA PRATICA PER I GENITORI - SIPPSQuesta guida ha visto la luce per la prima volta 10 anni fa, grazie all’impegno di un piccolo gruppo di pediatri di famiglia innamorati del proprio lavoro. Aggiornata con le novità emerse in questi anni, grazie al contributo, questa volta, di moltissimi esperti del settore, si presenta oggi al pubblico rinnovata anche nella sua veste […]

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale: lo faccio al mio bimbo?

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Vaccinare contro l'influenza i bambini piccoli è ora più che mai la scelta giusta: ad affermarlo il Ministero della salute e la Società italiana di pediatria.   »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti