Cerchi una baby sitter per il tuo bambino? Ecco come trovarla e quanto costa

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 26/10/2022 Aggiornato il 26/10/2022

Sempre più famiglie hanno bisogno di una baby sitter. Ecco quali requisiti deve avere quella ideale, quanto costa all’ora e le agevolazioni previste

bambina gioca con la baby sitter

Chi si occupa di accudire i bambini quando entrambi i genitori lavorano, i nonni sono lontani o non disponibili? Le soluzioni sono due: asilo nido o baby sitter. Molte famiglie optano per la tata perché si tratta di un aiuto molto più flessibile e pratico, perfetto anche quando il bimbo è malato. Ma come trovarla? E soprattutto a che costi?

Come capire se è una brava baby sitter?

La stragrande maggioranza delle famiglie italiane ha bisogno di una baby sitter. A dirlo, un recente sondaggio di Sitly.it, piattaforma di ricerca baby sitter presente in Italia dal 2013, secondo cui il 78% dei genitori intervistati necessita di una baby sitter per poter tornare al lavoro. E, infatti, a settembre 2022 il numero delle registrazioni sul portale da parte dei genitori è stato doppio rispetto al 2021. La regione con la richiesta più alta è la Lombardia, seguita da Lazio, Emilia Romagna, Sicilia, Toscana, Piemonte e Veneto. Ma com’è la baby sitter ideale? Sempre stando al sondaggio deve essere affidabile, disponibile e paziente.

Secondo gli esperti, è importante che la tata sia gentile ed educata con grandi e piccoli e che sappia comunicare con i bambini: non deve urlare né parlare con una voce acuta o strozzata, ma deve parlare sempre con tono calmo e pacato. Inoltre, deve essere la prima a dare il buon esempio, seguendo le regole della casa, deve dimostrare di comprendere le emozioni del bambino e di ascoltarlo e deve empatizzare con lui. La brava baby sitter è in grado anche di comunicare con i genitori, dando un resoconto dettagliato di ciò che ha fatto durante il giorno con i bambini. Per capire se è la scelta giusta, basta osservare i propri figli quando si torna a casa: se sono allegri e spensierati, raccontano ciò che hanno fatto, hanno già mangiato quando l’ora della cena è passata, allora probabilmente si tratta della baby sitter giusta.

Quando prende una baby sitter all’ora nel 2022?

I costi all’ora per una baby sitter sono variabili: dipende dalla città in cui lavora, dall’esperienza, dalle competenze, dall’età dei bambini, dalle referenze, dalle responsabilità che le sono affidate. In media, il costo orario è pari a circa 8 euro. Secondo il sondaggio, i genitori sono disposti a pagare tra gli 8 e i 10 euro all’ora per il servizio di babysitting. 

 

 

 
 
 

In sintesi

 

Cosa deve fare la baby sitter?

Ogni famiglia stabilisce le sue regole, ma in linea di massima la baby sitter deve accudire i bambini e occuparsi di loro.

Come trovare una brava tata?

Le strade sono diverse: ci si può affidare al passaparola, si possono mettere annunci su bacheche fisiche e online oppure ci si può affidare ad agenzie e piattaforme dedicate sul web.

 

Fonti / Bibliografia

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti