Posso lasciare il bambino alla tagesmutter?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/11/2013 Aggiornato il 08/11/2013

Le tagesmutter sono delle tate che accudiscono piccoli gruppi di bambini a domicilio. I pro e contro di questa scelta

Posso lasciare il bambino alla tagesmutter?

È uno degli interrogativi più comuni nelle neomamme: a chi lasciare il bambino una volta ripreso a lavorare? Da qualche tempo, fra le varie opzioni a disposizione c’è una possibilità in più: le tagesmutter. Si tratta di un’alternativa perfetta ad asilo nido, baby-sitter e nonni.

I nidi famiglia

Tagesmutter è un termine tedesco che significa “mamma di giorno”. Questa professione si ispira a un modello di assistenza infantile nato negli anni sessanta nei Paesi dell’Europa del nord. In pratica, si tratta di una persona che accudisce presso il proprio domicilio piccoli gruppi di bambini principalmente nella fascia d’età 0-3 anni.  Ecco perché si parla anche di nidi famiglia.

I principali vantaggi

Affidare il bebè a una tagesmutter comporta alcuni indiscutibili vantaggi. Uno dei principali è l’ambiente famigliare e intimo in cui il bambino viene accolto e curato. Questo, soprattutto quando è molto piccolo, lo fa sentire protetto e al sicuro. Inoltre, il fatto di far parte di un gruppo ristretto favorisce la socializzazione e i rapporti interpersonali anche nei bimbi molto timidi e introversi.  Nei nidi famiglia, poi, in genere c’è un maggior rispetto per i tempi e le esigenze di ciascun bambino: dovendo gestire pochi bimbi, la tagesmutter può rispondere ai bisogni di tutti in modo personalizzato. Non solo. Riesce anche a garantire una continuità con il percorso e le scelte educative della famiglia. Non va dimenticato, poi, che questo servizio solitamente è molto flessibile: la mamma può accordarsi direttamente con la tagesmutter per quanto riguarda gli orari in cui lasciare e riprendere il figlio.

Gli svantaggi di questo servizio

Quello che è uno dei punti di forza dei nidi famiglia può diventare anche un grande svantaggio. Il fatto di avere un’unica figura di riferimento può essere un fattore negativo se non si riesce a instaurare con lei un rapporto di feeling e di stima. Inoltre, occorre considerare che gli spazi offerti da questo servizio sono sicuramente più piccoli e meno attrezzati di quelli di un asilo nido. Ma sono del tutto simili, anzi per certi versi anche migliori, di quelli di casa (o della casa dei nonni).

Come diventare mamme di giorno

Ogni regione ha normative proprie, per esempio nel Lazio per diventare tagesmutter è necessario possedere un titolo di studio solo nel caso in cui si intenda offrire un servizio rivolto a bimbi da 0 a 3 anni.

In breve

A CHI RIVOLGERSI

Sono diverse le associazioni che si occupano di fornire servizi di tagesmutter e che aiutano chi vuole aprire un nido famiglia a capire cosa deve fare.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti