A Quattrozampeinfiera bambini e cani si divertono insieme

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 22/04/2022 Aggiornato il 22/04/2022

Giochi all’aria aperta, tante coccole ai cuccioli, gare e sfilate. Quattrozampeinfiera dà appuntamento a Bologna per il 7-8 maggio

A Quattrozampeinfiera bambini e cani si divertono insieme

Che cosa c’è di più tenero che vedere bambini e cani conoscersi, giocare, imparare a rispettarsi? L’occasione è la “due giorni pet friendly” più famosa d’Italia Quattrozampeinfiera a Bologna, nel weekend 7-8 maggio, per la prima volta nel grande polo fieristico della città Bologna Fiere.

Cosa possono fare bambini e cani a Quattrozampeinfiera?

Quattrozampeinfiera a Bologna è un’occasione imperdibile per tutta la famiglia. Bambini e cani potranno divertirsi in piscina con l’AquaDog, divertirsi con l’Agility; i piccoli potranno migliorare la relazione con il proprio cane, sfilare e confrontarsi con esperti di settore per ottenere suggerimenti utili alla gestione dei propri cani o gatti. Per gli adulti sarà un momento per conoscere tutte le ultime novità del settore pet, un mercato in continua evoluzione ed espansione che sembra non incontrare crisi. I cani (ma anche i gatti e gli altri animali) oggi sono giustamente considerati componenti della famiglia. Quindi è importante essere al corrente di tutto quello che serve per renderli sani e felici.

Che attività si svolgeranno a Quattrozampeinfiera?

Quattrozampeinfiera è una grande fiera che coinvolge aziende, centri cinofili, veterinari, sportivi, allevatori, toelettatori, associazioni benefiche, stilisti, influencer per un mondo a misura di cane e gatto. I visitatori, accompagnati dai loro amici fedeli, potranno testare e acquistare prodotti e servizi, sperimentare numerose attività, dallo sport, ai giochi di attivazione mentali fino alle sfilate con il proprio cane per trascorrere due giornate di puro divertimento. E per chi ha intenzione di inserire un cane o un gatto nel proprio nucleo familiare, sarà possibile interfacciarsi con le numerose Associazioni o gli allevatori di razza presenti alla manifestazione. Un weekend a Quattrozampeinfiera è un’occasione speciale da trascorrere in una cornice di divertimento, imparando a conoscere le razze, ad avere rispetto per i cani e in generale per la natura e gli animali: un aspetto dal quale oggi non si può prescindere nell’ottica del benessere del pianeta. Per i bambini sotto i 10 anni e ovviamente per i pet l’ingresso è gratuito.

Quali cani sono adatti ai bambini?

Tra bambini e cani si crea un rapporto davvero speciale, che dura per sempre e che regala ai nostri figli sicurezza e benessere, oltre a educarli all’amore per la natura. Affiancare a un bambino un cane è senz’altro un’ottima idea, ma è importante scegliere la tipologia. Si può pensare che un cane di piccola taglia sia meglio, ma spesso le razze mignon oltre a essere più delicate non sono adatte a relazionarsi con i bambini perché possono essere nervose. Attenzione anche ai lupoidi e ai molossi: è vero che alcuni esemplari sono mansueti e molto dolci (anche tra i cani ci sono differenze di carattere), ma per la mole e il temperamento della razza non sono sempre indicati con i piccoli. Di conseguenza, prima di pensare all’adozione di un cane, è meglio chiedere consiglio al veterinario, a un educatore cinofilo (a Quattrozampeinfiera ce ne saranno molti) oppure a qualche responsabile di un canile. 

Il cane è un animale impegnativo?

Il cane è un animale che può comportare un certo impegno, perché ha bisogno di almeno tre uscite al giorno, non solo per i bisognini ma anche per correre, annusare ed esplorare. In caso contrario diviene nervoso e può ammalarsi. Se quindi non si ha la possibilità di garantire al cane questo diritto è meglio pensare a un gatto, che è più indipendente. Il cane, d’altra parte, è molto adattabile: per esempio in vacanza si abitua quasi subito al nuovo ambiente perché è felice con il suo branco, al contrario del gatto che fatica ad ambientarsi. Quattrozampeinfiera è un’occasione per informarsi anche di questi aspetti.

 

 

 
 
 

In sintesi

Che malattie trasmettono i cani?

I cani che vivono con noi in realtà non rischiano di trasmettere malattie ai bambini, a patto che siano regolarmente vaccinati dal veterinario per le infezioni più importanti e presenti nel territorio. Inoltre i cani devono essere trattati con anti-parassitari interni ed esterni sul pelo, contro pulci, zecche, vermi. Ogni tanto è bene sottoporre il cane a un bagno con un prodotto specifico.

Come gestire cani e bambini?

Avere uno o più bambini piccoli e anche un cane può essere impegnativo, ma si riceve molto in termini di affetto. Se si ha necessità di dedicarsi a un neonato, il cane potrà essere portato a spasso da un altro membro della famiglia o da un dog-sitter. Con i bambini più grandicelli è più semplice, perché si può uscire tutti insieme per passeggiare o andare ai giardini. È essenziale che il bambino si avvicini al cane con rispetto, senza urlare, senza gesti improvvisi e non deve mai considerarlo un giocattolo.

 

Fonti / Bibliografia

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti