Allenamento, 30 minuti ogni giorno per un fisico al top

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 06/04/2021 Aggiornato il 06/04/2021

Un allenamento intenso di 30 minuti al giorno dà migliori frutti che uno più lungo fatto due, tre volte la settimana

Allenamento, 30 minuti ogni giorno per un fisico al top

È ormai un dato certo: allenarsi, e farlo con regolarità, è l’unico modo per restare in forma. Anche solo per 30 minuti. Lo affermano ormai da tempo non solo i personal trainer ma anche medici e nutrizionisti che sotto molti fronti sottolineano l’importanza del movimento. Ma qual è l’allenamento migliore? Secondo Ione Acosta, il trainer che allena vip e calciatori, meglio 30 minuti di allenamento vigoroso al giorno piuttosto che due, tre ore di lavoro in palestra a settimana. La sua ricetta del benessere, della bellezza e della perfetta forma fisica ormai sta facendo il giro del mondo grazie ai risultati che permette di ottenere.

Facile da seguire

Il programma di allenamento è semplice nella sua efficacia e prevede di impegnarsi in un’attività fisica piuttosto strong ogni giorno per una mezz’ora, valida alternativa a lunghe ed estenuanti sessioni di allenamento in palestra. La strategia di Acosta è sostenuta da diverse ricerche scientifiche. Uno studio scientifico dell’Università di Copenhagen (Scandinavia), ad esempio, pubblicato su Scandinavian Journal of Public Health mostra che chi si esercita per 30 minuti al giorno va incontro ad un calo di peso superiore di un terzo rispetto a chi si dedica all’attività fisica per il doppio del tempo.

Diverso per uomini e donne

La tecnica dei 30 minuti funziona per tutti ma con i dovuti aggiustamenti. L’allenamento degli uomini è diverso da quello delle donne come varia in base all’età e al tipo di lavoro anche se ci sono regole valide per tutti. Nel caso degli uomini, ad esempio, bisogna tener presente che dopo i 30 minuti subiscono un calo della prestazione dovuto a un abbassamento dei livelli di testosterone. Le donne invece, rischiano maggiormente un calo insulinico.

Obiettivi concreti

Fondamentale è poi per Ione Acosta puntare su obiettivi a stretto raggio: al posto di dire vorrei un fisico da top model meglio impegnarsi per sentirsi meglio in costume la prossima estate. Il cervello comprende poco gli obiettivi astratti mentre accoglie obiettivi concreti e realizzabili in un determinato lasso di tempo.

Effetto anti-età

L’esercizio fisico intenso, inoltre, attiva le sirtuine, proteine naturalmente presenti nell’organismo che regolano importanti vie metaboliche e che sono coinvolte nell’invecchiamento e nello stress. L’allenamento intenso attiva queste proteine della longevità con effetti benefici sul muscolo che ne risulta ringiovanito. Le sirtuine sprigionate, inoltre, sono in grado di influenzare diversi aspetti del metabolismo, contrastando l’obesità e tutte le patologie a essa correlate.

 

 

 
 
 

DA NON DIMENTICARE

ATTENZIONE A TAVOLA

Da ultimo mai dimenticare che un’alimentazione equilibrata insieme all’attività fisica è indispensabile per preservare forma, salute e benessere.

 

Fonti / Bibliografia

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti