Bandiere Blu 2019: ecco dove il mare è più bello

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 05/06/2019 Aggiornato il 05/06/2019

Rispetto allo scorso anno, l’Italia ha ottenuto 8 riconoscimenti in più. Le Bandiere Blu 2019 premiamo la Liguria, ma non solo

Bandiere Blu 2019: ecco dove il mare è più bello

Come ogni anno, torna puntuale l’appuntamento con i riconoscimenti attribuiti dalla Foundation for Environmental Education (FEE) alle migliori spiagge del mondo. Se, dunque, non sapete ancora dove andare in vacanza o se volete organizzare un weekend last minute al mare, potete individuare la meta che fa per voi anche sulla base delle Bandiere Blu 2019. Rispetto allo scorso anno, la scelta in Italia è più ampia: infatti, sono stati premiati 8 comuni in più, 183 rispetto ai 175 del 2018.

I criteri di scelta

Le Bandiere Blu 2019 sono state assegnate tenendo conto di 32 criteri di sostenibilità, per esempio la qualità dell’acqua e la raccolta differenziata. L’Italia sta dimostrando di essere molto attenta alla questione ambientale e al delicato rapporto fra turismo ed ecosostenibilità : il 10% delle spiagge premiate a livello mondiale, infatti, si trova proprio nel nostro Paese. I cittadini che non vogliono spostarsi troppo per le vacanze estive, dunque, hanno un ampio ventaglio di opzioni fra cui scegliere. “I Comuni in grado di conservare il proprio patrimonio ambientale e di saperlo promuovere mostrano già di essere quelli maggiormente appetibili per il turismo, turismo che dovrà inevitabilmente riferirsi a parametri di sostenibilità sempre più stringenti per potersi rinnovare e creare benessere” ha dichiarato Claudio Mazza presidente della FEE Italia.

Dove sono le migliori spiagge italiane

La regione migliore da questo punto di vista? La Liguria: grazie ai 3 nuovi ingressi, ossia Imperia, Riva ligure e Sanremo, infatti, sale a quota 30 Bandiere. Bene anche la Toscana con 19 località e la Campania con 18 comuni. Seguono le Marche, con 15 Bandiere: rispetto allo scorso anno perde due spiagge, ma fa registrare un nuovo ingresso. Ovviamente, nella classifica Bandiere Blu 2019 non poteva mancare la Sardegna che, grazie a una new entry, sale a quota 14 località. Anche la Puglia conquista una nuova località, ma ne perde due, attestandosi sulle 13 Bandiere. La Calabria sale a quota 11 con due nuovi ingressi, mentre l’Abruzzo sale a 10 con l’ingresso di un lago. Molto bene anche il Lazio con 9 Bandiere, il Veneto, 8, l’Emilia Romagna, 7 e la Sicilia 7 Bandiere. Chiudono la classifica la Basilicata, che sale a 5 Bandiere grazie a un nuovo ingresso, il Friuli Venezia Giulia, che conferma le 2 Bandiere del 2018, e il Molise, che resta fermo a 1 Bandiera.

 

 

 

Da sapere!

La classifica Bandiere Blu 2019 non premia solo le migliori spiagge italiane. Anche i laghi rientrano nella classifica. E anche le Bandiere per i laghi sono in aumento: complessivamente, infatti, sono stati premiati 17 comuni lacustri italiani.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti