Compiti per le vacanze? Meglio i corsi di nuoto

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 18/07/2019 Aggiornato il 18/07/2019

Molti bambini non sanno nuotare e corrono rischi sia in piscina sia al mare. Ecco perché è bene approfittare delle vacanze per iscriverli ai corsi di nuoto

Compiti per le vacanze? Meglio i corsi di nuoto

Le vacanze estive sono ormai entrate nel vivo e molte famiglie si apprestano a partire per una località di villeggiatura. La meta più gettonata? Sicuramente il mare, in Italia o all’estero. Peccato che moltissimi bambini e adolescenti non sappiano nuotare o sappiano a malapena galleggiare. A lanciare l’allarme è Italo Farnetani, pediatra, docente alla Libera Università degli studi di Scienze umane e tecnologiche di Malta, da anni fiero oppositore dei “tradizionali” compiti per le vacanze, autore di un’indagine in materia elaborando le risposte di 31 fra pediatri e insegnanti di nuoto italiani e sostenitore dei corsi di nuoto estivi.

Pochi sanno cavarsela in acqua

Secondo la ricerca, su otto milioni di minori italiani fra i 5 e i 18 anni, ossia ben due milioni, pari al 30% del totale, non sanno nuotare e, dunque, corrono pericoli in qualsiasi ambiente acquatico. A questi si aggiungono altri due milioni e 700mila (pari al 40%) ragazzini che sanno solo galleggiare: fra l’altro, di questi solo due milioni sanno galleggiare e spostarsi in avanti sia in mare e sia in piscina, mentre gli altri 700mila riescono a cavarsela solo in piscina. In età pediatrica, dunque, i soggetti che sanno muoversi bene in acqua e ad affrontare anche eventuali piccole emergenze rappresentano una minoranza.  Da qui l’importanza di incentivare i corsi di nuoto in estate.

Compiti delle vacanze (forse) meno importanti

Ecco perché, sarebbe bene sfruttare l’estate e la maggiore libertà dagli impegni scolastici per iscrivere i propri figli ai corsi di nuoto.  “È importante insegnare ai bambini e ai ragazzi italiani a non aver timore e a muoversi con sicurezza in acqua. Mentre i compiti per le vacanze non servono e andrebbero aboliti: le lezioni davvero utili al loro sviluppo ma anche alla loro salute e sicurezza sono piuttosto quelle di nuoto. Il mio suggerimento ai genitori è quello di approfittare della bella stagione e del tempo libero, per programmare un corso per insegnare ai figli a nuotare” ha commentato  il pediatra.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per la maggior parte degli insegnanti i compiti estivi sono fondamentali. In ogni caso, è possibile trovare il tempo per fare tutto: i classici compiti e anche i corsi di nuoto. L’età migliore per imparare? Da 5 a 10 anni, perché dopo aumentano e si consolidano le paure.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti