In vacanza con i bambini: è meglio la nave, il treno o l’aereo?

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 25/02/2019 Aggiornato il 27/02/2019

Non esiste una soluzione migliore in sè, ma occorre scegliere caso per caso, in base alle esigenze della famiglia e, soprattutto, del bimbo

In vacanza con i bambini: è meglio la nave, il treno o l’aereo?

Quando si programma una vacanza con i bambini è bene pensare non solo a dove si andrà, con quali modalità di soggiorno e per quanto tempo, ma anche come ci si arriverà. I bambini infatti hanno esigenze particolari che è necessario rispettare e prendere in carico. A parte la macchina, qualunque mezzo di trasporto scelto, nave, treno o aereo, ha lati positivi e negativi, da valutare attentamente prima di decidere e prenotare la vacanza. Ecco per ognuno vantaggi e svantaggi.

Per mare

Viaggiare in nave è una buona soluzione per una vacanza con i bambini, che, infatti, sono liberi di alzarsi e muoversi con un certo agio. Inoltre, i genitori possono prenderli in braccio, accompagnarli in perlustrazione e giocare con loro. Oltretutto, si può sfruttare l’effetto novità, spiegando ai piccoli com’è la vita da marinaio, come funziona una nave e così via. Bisogna mettere in conto, però, che soprattutto nel mese di agosto, traghetti e navi possono essere molto affollati. Quindi, è necessario non solo avere prenotato il viaggio in anticipo, ma anche prestare massima attenzione una volta a bordo, non perdendo mai di vista il bimbo, che può rischiare di perdersi in mezzo alla folla.

Sulle rotaie

Anche il treno è un mezzo di trasporto comodo e affascinante per andare in vacanza con i bambini. In genere, i bimbi amano guardare i panorami scorrere dal finestrino e sono curiosi di vedere come lavorano controllori e macchinisti. Ecco perché i genitori dovrebbero cercare di coinvolgerli con racconti e storie in proposito. Rispetto alla nave, la possibilità di movimento in treno è più limitata. Occorre, dunque, ingegnarsi per intrattenere il bambino ed evitare che si annoi. È utile portare con sé libri, piccoli giochi, album da disegno. Infine, va considerato che i bagni del treno sono spesso scomodi e stretti. Se il bambino è piccolo, è meglio attrezzarsi con un fasciatoio da viaggio e cambiarlo sui sedili.

In volo

Il viaggio in aereo può essere molto emozionante per un bambino. Soprattutto nei voli brevi può essere facilmente distratto dalla routine: atterraggio, decollo, momento dei pasti sono tutte attività eccitanti per lui. Se il tragitto è più lungo, è sempre utile portare con sé giochi per intrattenerlo: bambole, libricini, album da disegno e così via. Si può anche chiedere al pilota di fargli visitare la cabina di pilotaggio. Il più grande svantaggio di un viaggio in aereo, oltre alla noia, è rappresentato dai fastidi alle orecchie: i cambiamenti di pressione possono creare dolori, che innervosiscono i più piccoli. Se la mamma allatta ancora, scoprirà che attaccarlo al seno durante decollo e atterraggio darà grande sollievo al bambino. Altrimenti sono utili un succhietto o un lecca lecca, che aiuteranno il piccolo a deglutire riducendo il fastidio all’orecchio.

DA RICORDARE

MAI DIMENTICARSI ACQUA E SNACK

Che ci si sposti in nave, treno o aereo, è importante portare sempre con sé piccoli snack, come un pacchetto di cracker, insieme all’acqua, da offrire al piccolo al bisogno.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti