In vacanza con il bambino al fresco in montagna

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/07/2013 Aggiornato il 26/07/2013

Per tanti, vacanza significa mare. In realtà, per un bambino è molto adatta anche la montagna. Infatti, favorisce il rilassamento e il sonno e stimola l’appetito

In vacanza con il bambino al fresco in montagna

Gli amanti della montagna saranno contenti. Per il bambino, infatti, si tratta di un luogo ideale per trascorrere una vacanza estiva. L’importante è osservare alcune semplici regole. Adottando i giusti accorgimenti, le ferie in alta quota assicurano solo benefici e zero rischi.

Il clima è mite

Quando si va in vacanza con un bambino, è importante scegliere mete che in quel periodo non siano troppo caotiche e soprattutto che abbiano un clima temperato, cioè senza eccessi di caldo o di freddo. La montagna, in questo senso, è perfetta. Innanzitutto, in estate, in genere, le temperature non sono mai troppo alte. In seconda battuta, offre tante attività e scenari diversi e difficilmente si raggiungono i picchi di affollamento delle spiagge.

È una meta rilassante

La montagna è una meta molto rilassante per una vacanza con il bambino: a differenza del mare che può rendere irrequieti, non “snerva” e non turba. Inoltre, favorisce il sonno e l’appetito. Non bisogna dimenticare poi che permette al piccolo e a tutta la famiglia di fare passeggiate salutari, a contatto con la natura.

Non troppo in alto

Occorre, però, fare attenzione all’altitudine. L’ideale è non superare i 1.500-2.000 metri per evitare che l’aria rarefatta crei difficoltà respiratorie e, quindi, un affaticamento per il bimbo. Meglio, inoltre, prevedere un soggiorno di almeno una settimana: in questo modo si permette all’organismo del piccolo di ambientarsi.

Quali pericoli

Durante le passeggiate e le escursioni controllare sempre il bimbo, per evitare che si avventuri in aree a rischio, come sentieri impervi o rive di torrenti: potrebbe scivolare e farsi male. È necessario anche prestare attenzione all’erba alta, alle rocce, alle pozzanghere di acqua perché potrebbero essere l’habitat di animali pericolosi, come le vipere.

L’abbigliamento più indicato

Quando si programma una vacanza in montagna, occorre attrezzarsi nel modo giusto. Se si prevede di fare delle camminate, il bimbo dovrebbe essere dotato di calzature adatte (se possibile gli scarponcini da trekking), magliette di materiale traspirante, calze di spugna, cappellino. Nel corso delle escursioni è importante farlo bere molto e offrirgli frutta o piccoli snack energici, come barrette di cioccolato o di frutta secca.

In breve

ATTENZIONE AL SOLE

Anche in montagna è fondamentale proteggere il bambino dai raggi solari. In che modo? Applicando sempre una crema protettiva sulle zone esposte, facendogli indossare cappellino e visiera ed evitando l’esposizione diretta fra le 11 e le 16.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti