Parchi gioco: in Tirolo divertirsi è… naturale

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 08/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Fra le montagne del Tirolo sorge tutta una serie di parchi gioco naturali perfetti per il divertimento e il relax delle famiglie. Ce n’è per tutti i gusti

Parchi gioco: in Tirolo divertirsi è… naturale

Quando la colonnina di mercurio sale, cosa c’è di meglio del rifugiarsi in alta quota? Le famiglie in cerca di un po’ di refrigerio, ma anche di paesaggi mozzafiato e di intrattenimenti a misura di bambino possono puntare sul Tirolo. La regione austriaca a cavallo delle Alpi, infatti, offre la possibilità di avventurarsi in una serie di parchi gioco naturali, che faranno la gioia di grandi e piccini.

Zirben Park

Nella valle Pitztal, sorge uno dei più antichi boschi di cembri di tutto il Tirolo. Qui, lungo un percorso di 1 km, facilmente percorribile anche dai bambini più piccoli, le famiglie possono conoscere da vicino il “re delle Alpi” dal profumo di legno. Il tutto partecipando ad attività ludiche imperdibili. Come l’arrampicata su una torre di pino cembro provvista di uno scivolo di 16 metri, la creazione di cuscini di cembro attraverso l’uso di trucioli di legno, la partecipazione a divertenti quiz.

Triassic Park Waidring

Sull’imponente Steinplatte, l’unica scogliera asciutta d’Europa, a quasi 2.000 metri di altezza si trova un parco dedicato alla preistoria, dove i bambini si possono trasformare in veri e propri paleontologi. Con l’aiuto di alcuni esperti, infatti, i piccoli visitatori possono imparare a definire l’età dei fossili, scoprire le origini del termine “era del Triassico”, scavare nella sabbia in cerca di fossili, estrarre pietre e navigare sull’acqua con una zattera.

Ellmi’s Zauberwelt

Nel magico mondo di Ellmatio, alla partenza della funivia Hartkaiserbahn Ellmau, i bambini possono aiutare il mago Ellmatio, trasformato in una rana dal suo maestro, a risolvere un indovinello e a ritrovare così le sue sembianze umane. Ma non solo. Possono scalare le mura di un castello, correre nel labirinto magico, andare alla ricerca degli animali che popolano il parco, rinfrescarsi sotto il getto di uno spruzzatore d’acqua alto 15 metri e scoprire la foresta pluviale.

Erlebnispark Hög

Quello raggiungibile con la funivia che parte da Serfaus-Fiss-Ladis è un parco avventure perfetto per chi ama nuotare. Infatti, al centro, in una cornice da sogno, si trova un lago balneabile. Le famiglie possono noleggiare un pedalò, un kayak o un sup o semplicemente tuffarsi nelle acque cristalline. I più piccoli possono scorrazzare nella zona di acqua bassa, mentre i più grandi si possono divertire anche con la pista di birilli di legno, il trampolino di sterco bovino, il bidone di latte gigante e l’ottovolante. E quando lo stomaco inizia a brontolare? Niente paura, si può scegliere fra l’area barbecue in riva al lago e il ristorante “Seealm”.

Nitro Pro Skylinepark

Quello situato a quasi 2.000 metri di altezza e raggiungibile con la funivia Nordkettenbahn da Inssbruck è un parco dedicato ai più avventurosi. Si può scegliere, infatti, fra la via ferrata panoramica che porta in cima all’Hafelekar, il nuovo parco d’arrampicata, il famoso singletrail della Norkette da fare a tutta velocità in sella a una bici, il Flying Fox al “Kasermandl” per volare fino alla terrazza del ristorante Seegrube.

Spielplatz Eng

Nel cuore del parco naturale del Karwendel, il più grande di tutta l’Austria, si trova un nuovissimo parco tematico dedicato agli aceri. I bambini possono divertirsi scoprendo quali sono i compiti di chi si occupa una malga e come ci si può prendere cura del paesaggio culturale.

 

 

Da sapere!

Per maggiori informazioni sui parchi del Tirolo si può visitare il sito: www.tirolo.com/parchi-divertimento. Tante regioni offrono le “summer cards”, che includono numerosi sconti e prestazioni particolarmente vantaggiosi per le famiglie.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti