Sci per i bambini: una guida per non sbagliare

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 04/01/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Il divertimento sulla neve comincia con l’equipaggiamento giusto. Ecco come scegliere gli sci per i bambini

Sci per i bambini: una guida per non sbagliare

Tempo di settimane bianche e tempo di prendere l’equipaggiamento giusto, a cominciare dalla scelta degli sci per i bambini. Ma non solo: per praticare nel migliore dei modi questo sport, è importante anche l’abbigliamento giusto.

La misura corretta

Gli sci per i bambini devono facilitare l’apprendimento di questo sport. Per iniziare, quindi, è meglio dare la preferenza a sci corti e morbidi perché più maneggevoli. Più lo sci è corto, infatti, e più sarà facile da controllare, il bimbo si sentirà più sicuro, avrà maggior fiducia nelle proprie capacità e riuscirà a migliorare più in fretta. All’inizio gli sci per i bambini dovrebbero essere da 5-20 cm più corti rispetto alla sua statura. Quando invece comincia a essere più autonomo, si può optare anche per sci più lunghi. Se il bambino è abbastanza grande (1,50 m), pesa almeno 45 kg e ha un livello di capacità intermedio, si può passare agli sci da adulto.

La forma

Fino a qualche anno fa esistevano solo gli sci classici dritti; oggi invece si può scegliere tra diverse forme e larghezze. La più usata per gli sci per i bambini è quella “rocker” in spatola: si tratta di sci la cui spatola è leggermente più rialzata rispetto ai modelli “classici”, il che rende lo sci più maneggevole in curva e con una presa migliore.

Gli attacchi, il casco e la mascherina

Anche gli attacchi hanno un’importanza fondamentale negli sci per i bambini. Per questo la regolazione deve essere affidata a un professionista. Va ricordato infine che il casco, che deve essere omologato, è obbligatorio fino a 14 anni. Va provato il casco insieme alla maschera, perché i due accessori devono calzare alla perfezione.

Scarponi e bastoncini

Per ciò che concerne gli scarponi, è fondamentale che questi siano della misura giusta. Se troppo largo può causare distorsioni, se invece troppo stretto fa male. Per verificare che la misura è corretta, occorre procedure come segue: togliere la soletta interna e poggiarci il piede del bambino. 1 cm di margine è il massimo per assicurare un buon sostegno e la giusta comodità. L’altezza dei bastoncini dipende dalla statura del bimbo. La misura è corretta se tra gomito e avambraccio si forma un angolo di 90º. Per i bambini sono consigliabili in modello telescopici che si adattano all’altezza del bambino in crescita: per regolarli basta girare il bastoncino sottosopra e mettere la mano del bimbo sotto la rotella. Il gomito deve formare un angolo retto, se l’angolo è più ampio, il bastoncino è troppo corto.

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’età ideale per cominciare a sciare è quattro anni, ma si può cominciare anche prima, con gli sci giocattolo che si agganciano direttamente ai doposci.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti