Vacanze: sconti per i bambini in hotel e su treni e aerei

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/07/2019 Aggiornato il 29/07/2019

La voglia di partire è tanta, ma a prima vista i costi per le vacanze sembrano esagerati. Eppure, risparmiare è possibile. Ecco come

Vacanze: sconti per i bambini in hotel e su treni e aerei

Per risparmiare sulle vacanze basta fare attenzione agli sconti previsti per i bambini: che si tratti dell’hotel dove soggiornare, del treno o dell’aereo utilizzati come mezzi di trasporto per raggiungere la località di villeggiatura, gli sconti per i bambini sono sempre previsti. Ecco qualche informazione utile per capire meglio come funziona in Italia.

Se si “vola”

Se si decide di spostarsi per le vacanze in aereo, i bambini, ai fini dell’assegnazione della tariffa, vengono divisi in due categorie: infant (da 0 a 2 anni) e child (da 2 a 11 anni). Solitamente, i più piccoli (infant) non pagano il biglietto aereo o, al massimo, solo il 10% dello stesso, ma non hanno diritto all’assegnazione di un posto a sedere per il viaggio. I più grandicelli (child), invece, possono pagare il biglietto come gli adulti o usufruire di una riduzione del 33%, come succede frequentemente nelle compagnie low cost, oppure avere il biglietto con sconti per i bambini fino al 50% (compagnie di linea).

Se si viaggia su rotaia

In Italia, il treno è il mezzo di trasporto ideale per le vacanze con i bambini, anche grazie agli sconti per i bambini previsti. Infatti, il biglietto del treno per quelli di età inferiore ai 4 anni è gratis, mentre gli altri – fino al compimento dei 15 anni – hanno spesso diritto a sconti che vanno dal 30% al 50% (su molti treni regionali).

Una volta a destinazione

È difficile tracciare un quadro della situazione valido per tutte le strutture ricettive. Ogni hotel, bed & breakfast o residence applica tariffe, sconti e agevolazioni diversi. Numerosi alberghi offrono pacchetti pensati su misura per le vacanze con i bambini, alcuni prevedono anche l’opzione “bimbi gratis”. Solitamente, però, i piccoli che non hanno ancora compiuto i 3 o 4 anni di età hanno sempre il soggiorno gratuito, mentre per i più grandicelli (fino ai 14 anni) sono previsti prezzi ridotti (dal 30% all’80%).

 

 
 
 

In breve

MEGLIO SCEGLIERE UNA META ADEGUATA

Per godersi al meglio le vacanze in famiglia con i bambini, soprattutto quando sono piccoli, e per usufruire degli sconti più vantaggiosi, è meglio scegliere una meta a misura di famiglia, dotata di infrastrutture adeguate.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti