Un nuovo dispositivo per non dimenticare i bambini in auto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/03/2014 Aggiornato il 06/03/2014

L’ha inventato un papà belga: dà subito l’allarme, per non rischiare di dimenticare i bambini in auto

Un nuovo dispositivo per non dimenticare i bambini in auto

Un vuoto di memoria, un buco nero, un black out mentale che può capitare a chiunque, specialmente in un momento di forte stress o stanchezza, ma può costare molto caro. È successo in Italia, ma anche all’estero: madri e padri che, in una giornata qualunque, “dimenticano” di avere in auto il proprio bambino e lo lasciano allacciato al seggiolino per ore, mentre sono al lavoro. L’allarme scatta in prossimità dell’estate, quando le alte temperature possono essere letali per un corpicino rinchiuso nell’abitacolo di un veicolo.

Come funziona il sistema di allarme

Colpito dai recenti fatti di cronaca Kenny Devlieger, di origine belga, ha pensato a un nuovo sistema di allerta, adattabile a tutti i tipi di vetture, composto da un nastro sensibile alla pressione da disporre sotto il seggiolino del bambino e connesso al portachiavi del conducente. Quando il genitore spegne il motore e si allontana, il portachiavi emette un primo segnale sonoro, per indicare che il bambino è stato dimenticato in auto. In seguito, i sensori del nastro informano il papà o la mamma che la temperatura nel veicolo ha superato i 28 gradi e lo/a invitano a tornare subito indietro.

Già realizzato il prototipo

Il papà belga ha sottoposto la sua idea a un’azienda automobilistica tedesca e a un’agenzia pubblicitaria, che hanno abbracciato il progetto.  Il prototipo è già stato realizzato, ma in attesa della realizzazione la Società italiana di pediatria preventiva e sociale consiglia ai genitori alcuni “trucchi” per ridurre il rischio di dimenticare il bambino in auto.

I consigli dei pediatri

Per esempio, poggiare gli oggetti personali del bambino, come pannolini, biberon e pupazzetti, sul sedile anteriore, segnare nel promemoria usuale (agenda, telefonino, computer) ogni spostamento o impegno del bimbo, avvisare l’altro genitore, i nonni o la baby-sitter ogni volta che si verificano cambiamenti nell’accompagnamento dei figli.

In breve

UNA DIMENTICANZA DALLE CONSEGUENZE TRAGICHE

In un bambino la temperatura sale da 3 a 5 volte di più che in un adulto. Il grado di calore all’interno dell’auto può salire di 10-15 gradi ogni 15 minuti, determinando un’ipertermia in soli 20 minuti e la morte entro 2 ore.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti