Vacanze estive: ecco i farmaci per i bambini da mettere in valigia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/07/2013 Aggiornato il 27/05/2024

Arrivano le vacanze estive: ecco i farmaci da mettere in valigia quando ci sono i bambini    

 Vacanze estive: ecco i farmaci per i bambini da mettere in valigia

Le famiglie, con bambini al seguito, sono pronte per partire per le tanto attese vacanze estive. Tutto è pronto, compresa la valigetta dei farmaci, che non deve mai mancare. Del resto, si è lontani da casa e dal proprio medico curante.

Non partire senza

Secondo gli esperti di Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione, ecco quali farmaci per i bambini sono da mettere in valigia: antidolorifici/antinfiammatori e antipiretici; creme e pomate contro le irritazioni della pelle (antistaminici e cortisonici a bassa media potenza); disinfettanti per la gola; farmaci contro il mal d’auto; antibiotici in caso di infezioni (da prendere però sempre sotto controllo medico), melatonina contro il jet-lag; il kit del pronto soccorso (disinfettanti, garze sterili, cerotti e salviettine disinfettanti) e antidiarroici.

Contro il mal d’auto

Tra i farmaci consigliati per i bambini, ci sono anche i chewing-gum e le pastiglia contro il mal d’auto e di mare, gli spray contro le punture degli insetti e il collirio in caso di congiuntivite.

Attenzione a farmaci scaduti

Occorre sempre controllare che i farmaci per i bambini da portare in vacanza non siano scaduti e conservare i medicinali in luogo fresco e asciutto (non lasciateli nel portabagagli, sul cruscotto dell’auto, né imbarcateli in stiva se viaggiate in aereo), poiché temperature troppo alte o troppo basse possono alterare la loro efficacia.

Attenzione all’umidità

Accertarsi sempre delle modalità di conservazione dei farmaci indicate sui foglietti illustrativi: alcuni farmaci, infatti, prevedono una conservazione in frigorifero. Occorre prestare attenzione all’umidità che può alterare compresse, capsule e cerotti medicati. È importante  anche ricordarsi di eliminare il batuffolo di cotone che a volte si trova all’interno delle confezioni perché può trattenere l’umidità.

In breve

TENERE I FARMACI NELLA LORO CONFEZIONE ORIGINALE

La confezione dei farmaci aiuta a rendere sempre riconoscibile il farmaco; riporta la data di scadenza e conservandola si è certi di non perdere il foglietto illustrativo, fonte preziosa di informazioni quali le modalità di assunzione, il corretto dosaggio e gli eventuali effetti indesiderati. Occorre anche evitare di inserire farmaci diversi in una sola confezione o mescolarli in uno stesso contenitore per risparmiare spazio in valigia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti