I 10 cibi da non buttare anche se scaduti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/03/2016 Aggiornato il 11/03/2016

No agli sprechi alimentari con i 10 cibi commestibili anche dopo la data di scadenza. L’importante è che siano ancora ben sigillati nella loro confezione

I 10 cibi da non buttare anche se scaduti

In piena crisi economica mondiale, sono vietati sprechi, soprattutto se si tratta di mangiare! Ecco allora che per ridurre gli sprechi alimentari, un ingegnere britannico, Dan Cluderay, ha pensato di stilare una lista di quei cibi che possono essere consumati senza alcun rischio per la salute, anche dopo la data di scadenza, a patto che siano ancora ben sigillati. La lista è stata pubblicata sul sito Approved Food, un e-commerce in cui si possono acquistare a prezzi scontati diversi tipi di alimenti che hanno superato la data di scadenza.

La lista dei “più resistenti”

Appartengono alla categoria di cibi in cui è riportato in etichetta “Da consumarsi preferibilmente entro…”.

1.     Latte. È sufficiente annusare il prodotto. Se l’odore emesso è cattivo, non va consumato.

2.     Uova. Per capire se l’uovo è ancora commestibile basta immergerlo in una ciotola d’acqua. Se l’uovo galleggia, allora vuol dire che al suo interno si sono accumulati batteri e gas nocivi. Viceversa, se affonda, si può ancora mangiare.

3.     Cioccolato. L’alta concentrazione di zucchero ne allunga la vita, permettendone il consumo ben oltre la data di scadenza.

4.     Yogurt. Può durare ancora sei settimane dopo la data di scadenza. Nel caso si creasse uno strato di muffa, basta rimuoverla e mangiare lo yogurt sottostante.

5.     Formaggio a pasta dura o stagionato. Come per lo yogurt, in presenza di muffa, si deve raschiare la muffa presente sulla patina superficiale. La stessa regola non si applica ai formaggi a pasta molle.

6.     Patatine. La presenza del sale, così come lo zucchero, ne prolunga la vita ben oltre la data di scadenza. Evitare di mangiarle se risultano un po’ troppo mollicce.

7.     Ketchup. Può essere consumato anche oltre un anno dalla data di scadenza, l’importante è che sia conservato in “un luogo fresco e asciutto” o in frigorifero.

8.     Pane. È possibile consumare il pane anche dopo parecchio tempo, l’essenziale è che non ci sia la muffa.

9.     Riso. Può durare parecchi mesi dopo la data di scadenza se conservato sottovuoto.

10.  Frutta e verdura. Se non è marcia o con muffa, può essere consumata dopo la data di scadenza o diversi giorni dopo l’acquisto.

 

 

 

 

 
 
 

da sapere!

LE DIVERSE DICITURE IN ETICHETTA SULLA VITA DEL PRODOTTO

·      Data di scadenza: indica che non è sicuro mangiare quel prodotto dopo la data riportata sulla confezione.

·      Da consumarsi entro: significa che la data riportata è il termine ultimo entro cui l’alimento deve essere consumato.

·      Da consumarsi preferibilmente entro: indica che dopo la data stampata sulla confezione, l’alimento è ancora commestibile.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti