Alzarsi ogni mezz’ora è il segreto dello star bene

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 15/10/2021 Aggiornato il 15/10/2021

Bando alla sedentarietà: basta alzarsi ogni mezz’ora per tre minuti per guadagnare in salute, diminuendo colesterolo e zuccheri nel sangue

Alzarsi ogni mezz’ora è il segreto dello star bene

Il segreto dello star bene? Prendersi una pausa regolare dalla sedentarietà e alzarsi ogni mezz’ora dalla sedia. Che si sia al lavoro magari in smart working oppure nel tempo libero si stia guardando la Tv, leggendo o semplicemente riposando sul divano alzarsi anche per poco basta per aiutare a migliorare i livelli di zucchero nel sangue e la salute in generale. È questo il consiglio che arriva da uno studio svedese del Karolinska Institutet pubblicato sull’American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism.

Movimento minimo ma a cadenza regolare

Dai dati raccolti basta anche un modesto intervento di tre minuti ogni 30 minuti in termini di attività fisica per ottenere un piccolo miglioramento della glicemia e delle fluttuazioni di zucchero nel sangue. «Interrompere anche per poco uno stile di vita sedentario» evidenzia Erik Naslund, l’autore senior dello studio «offre benefici metabolici positivi ed è per questo che si caldeggia anche un movimento minimo, ma a cadenza regolare». Nella vita pratica, Naslund suggerisce che alzarsi più volte durante i periodi in cui si sta seduti produce maggiori benefici che alzarsi una volta sola per più tempo.

Meno zucchero e colesterolo cattivo nel sangue

Per tre settimane, il team di ricerca ha seguito 16 adulti obesi che conducevano uno stile di vita sedentario o avevano un lavoro per il quale stavano seduti tutto il giorno. Per 10 ore al giorno, un fitness tracker ha ricordato ogni 30 minuti a ciascun partecipante di alzarsi e muoversi. Durante periodi di attività di tre minuti, le persone coinvolte nello studio hanno svolto attività di intensità da bassa a moderata come camminare o salire le scale. I ricercatori hanno confrontato i dati di coloro che erano attivi nelle pause obbligate con quelli di un gruppo che invece non faceva pause. È emerso che i primi avevano livelli di colesterolo Ldl, cioè cattivo, più bassi e livelli di zucchero nel sangue altrettanto inferiori, oltre che meno picchi e cali nella glicemia. Le pause di attività, tuttavia, non hanno migliorato la tolleranza al glucosio complessiva per la quale evidentemente non erano sufficienti pochi minuti di movimento.

Le attività consigliate

Va bene alzarsi ogni mezz’ora ma che cosa fare nei tre minuti di attività? Basta semplicemente camminare a passo veloce nella stanza oppure fare un paio di rampe di scale. In alternativa si può salire e scendere dalle punte dei piedi una ventina di volte, un esercizio che per altro serve per mettere in moto la circolazione che rallenta quando si sta seduti.

Un’idea

FARE LA BICICLETTA DA SDRAIATI

Il top del movimento da fare nella pausa di 3 minuti? Alzare le gambe in aria e pedalare nel vuoto, ottimo movimento per sollecitare il circolo venoso e linfatico e scongiurare la pesantezza alle gambe.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti