Baby sitter: grazie al web si spende meno e la tata è “su misura”

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 29/10/2018 Aggiornato il 07/10/2020

In calo le tariffe orarie per una baby sitter: oggi si spendono in media 7,90 euro contro gli 8,34 euro dello scorso anno

Baby sitter: grazie al web si spende meno e la tata è “su misura”

L’aumento del numero di baby sitter disponibili, alcune però molto giovani e senza grande esperienza, e la diffusione di piattaforme online specializzate nella ricerca della tata hanno prodotto una riduzione delle tariffe orarie delle baby sitter. Secondo il rapporto annuale sull’analisi dei costi delle tate in Italia pubblicato da Yoopies, start-up europea specializzata nei servizi alla persona, in Italia oggi la tariffa oraria per una baby sitter ammonta in media a 7,90 euro, contro gli 8,34 euro dello scorso anno.

Iscrizioni raddoppiate

Nel 2017 le baby sitter iscritte alla piattaforma di Yoopies erano circa 150mila, ora sono 307mila. “Lo scorso anno si registrò un aumento vertiginoso dei prezzi che mise in crisi molti genitori”, spiegano dal servizio clienti Italia della piattaforma, “mentre quest’anno i prezzi del babysitting si sono normalizzati grazie proprio alla presenza di piattaforme online, come la nostra, che permettono di trovare un collaboratore di fiducia competente spendendo poco”. Come fare a trovare una baby sitter adatta alle proprie esigenze? Basta selezionare i profili nella propria zona, leggere i commenti degli altri genitori e scegliere quella che si ritiene più adatta.

Meno richieste

Sulla tariffa oraria delle baby sitter però incidono anche i cambiamenti demografici. Come spiega Nicola Ferrigni, sociologo della Link Campus University, “mentre la popolazione anziana è in aumento, e di conseguenza la richiesta di badanti, nascono meno bambini e quindi c’è meno bisogno di baby sitter. Con prezzi al ribasso”. E così oggi per i genitori chiamare il servizio di babysitting per godersi una cena fuori o per un impegno di lavoro, costa meno.

Divergenze tra Nord e Centro-Sud

Rispetto allo scorso anno le regioni del Nord hanno fatto registrare quasi tutte riduzioni nella tariffa oraria delle baby sitter: il calo più sensibile è stato registrato in Liguria, dove quest’anno si spendono 7,94 euro in media contro i 9,21 euro dell’anno precedente, e in Valle d’Aosta, dove si è passati da 9 a 7,63 euro. Ribassi anche  in Sardegna. Eccezion fatta per Campania, Basilicata, Calabria, e Sicilia, nelle regioni del Centro e del Sud le tariffe sono invece aumentate, e l’area dove sono stati registrati i rincari maggiori è quella tra Lazio, Umbria e Molise.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Tra le regioni, la più cara è attualmente il Lazio, con una tariffa oraria di 8,31 euro, mentre la più economica è la Basilicata, con 7,11 euro. Nel Lazio per avere una baby sitter per un pomeriggio intero si spendono poco meno di  42 euro contro i 35 della Basilicata.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti