Bambini e genitori tornate a giocare insieme!

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 10/05/2018 Aggiornato il 02/08/2018

I bambini vorrebbero giocare insieme di più con i genitori, ma spesso mamma e papà non hanno voglia di farlo. Ecco i risultati di un’indagine e... un consiglio importantissimo

Bambini e genitori tornate a giocare insieme!

Papà che corrono e si rotolano a terra con i figli, mamme che vestono le bambole e fingono di cucinare con i cibi di plastica? Oggi sembrano figure quasi estinte. Secondo un’indagine condotta da Pepita Onlus, cooperativa sociale specializzata nel progettare e realizzare interventi educativi, su richiesta di Hasbro, infatti, durante la settimana in famiglia il tempo per giocare insieme è meno di un’ora al giorno. E per più di tre quarti dei partecipanti questo tempo non è affatto sufficiente. Il risultato è che i bambini si sentono soli: solo il 15% condivide momenti di gioco con papà o mamma, mentre il 22% gioca in completa solitudine.

I bambini vogliono divertirsi con i genitori

Chi pensa che per i bambini l’importante sia giocare, non importa se da soli o in compagnia, si sbaglia. Il 78% dei piccoli intervistati, infatti, vorrebbe avere più tempo a disposizione per divertirsi con mamma e papà e il 60% chiede quotidianamente ai genitori di giocare insieme. Del resto, la quasi totalità dei piccoli coinvolti dell’indagine (il 94%) pensa che giocare voglia dire anche imparare. È normale, dunque, che in questi momenti così importanti voglia avere accanto le due figure di riferimento più importanti.

Mamma e papà sono spesso poco partecipi

Ma mamma e papà come rispondono? Molti dicono di cercare di accontentare i figli e giocare con loro, anche se con scarso interesse e controvoglia. Eppure, il 43% dei genitori si ritiene soddisfatto della quantità di tempo dedicata al gioco, anche se solo il 31% lo reputa di qualità. La maggior parte di loro, infatti, riconosce l’importanza del divertimento condiviso e si rende conto che la realtà non sempre corrisponde al modello ideale: il 67% è consapevole del valore relazionale del gioco e il 69% riconosce appieno il suo valore educativo, ma solo il 26% gioca regolarmente con i figli, mentre il 28% si limita alla mera osservazione dei bambini durante i momenti di gioco.

In breve

UN APPUNTAMENTO FISSO
Secondo gli esperti, è importante che ogni famiglia si ritagli del tempo per giocare insieme. Per essere sicuri di farlo sempre e con continuità, gli psicologi consigliano di considerarlo come un appuntamento al quale nessuno può mancare. Se all’inizio risulterà un po’ forzato, poi, diventando un’abitudine, si trasformerà in qualcosa di piacevole e irrinunciabile per tutti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti