Bambini in vacanza: consigli per i genitori

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/05/2012 Aggiornato il 09/05/2012

I bambini in vacanza, se senza genitori, possono suscitare le ansie di mamme e papà. Ecco alcuni suggerimenti per stare sereni e far divertire i vostri figli

Bambini in vacanza: consigli per i genitori

Tantissime le offerte dei centri privati

Ettore, 9 anni, andrà una settimana a Savona e in un palazzo settecentesco della città ligure, il Castelletto, giocherà a scacchi. Eh già, perché il corso che frequenta a Milano ha pensato a questa bella idea per le vacanze estive. Costo: 330 euro. Michele, 7 anni, frequenterà il tanto ambito Milan Junior Camp, la scuola estiva di calcio della sua squadra del cuore. Per contenere i costi, i suoi genitori lo hanno iscritto alle lezioni giornaliere, ovvero senza pernottamento, e hanno versato 540 euro. Ovviamente, per i club dei campionati minori, i prezzi sono più convenienti. Martina, 8 anni, ha la passione per la natura e, cosa incredibile a credersi, ha un amore sconfinato per gli asini. Per le prime vacanze da sola, i suoi genitori si sono affidati al WWF e, spendendo 410 euro, riusciranno a coronare il sogno della loro bambina: una settimana nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, nelle Marche, con spostamenti da un campo all’altro in groppa gli asini.

Molto valide anche le proposte dei Comuni

Sono tantissime le possibilità di vacanza pensate su misura dei bambini e dei loro svariati interessi. E chi non può o non vuole lasciarli senza mamma e papà anche durante la notte, può fare ricorso ai centri estivi organizzati dai Comuni. Dipende ovviamente dalle località, ma le amministrazioni più sensibili all’intrattenimento e alle attività ludiche e culturali, organizzano giornate ricreative che nulla hanno da invidiare a quelle pensate dalle associazioni private. Anzi, nei centri estivi, oltre ai giochi e ai compiti, in genere vengono inseriti nel programma visite a musei o palazzi storici, corsi, gite fuori porta, escursioni in campagna o “scappate” al mare, per uno o più giorni. È il caso, per esempio, del FAI, il Fondo Ambiente Italiano, che propone diverse iniziative. Inoltre, nei centri estivi è possibile iscrivere i bambini fin dai 3 anni.

Come preparasi al distacco e affidarsi a strutture sicure

Il vero problema dei bambini in vacanza da soli è per molti genitori la paura di affidare i propri figli a degli sconosciuti, soprattutto se l’allontanamento da casa dura una o più settimane. La soluzione più semplice è quella di ricorrere a organizzazioni conosciute, magari attraverso mamme e papà che le hanno già sperimentate o chiedendo agli insegnanti dei propri bambini. Secondo la dottoressa Nicole Bianchi, psicologa e psicoterapeuta dell’età evolutiva, “è molto importante preparare il bambino e i genitori alla separazione perché la mancanza è avvertita da entrambi. È senz’altro raccomandato scegliere insieme la struttura e le attività da fare, senza forzare il diretto interessato; inoltre, quando è possibile, sarebbe utile organizzare una gita con il bambino per visitare insieme il posto prescelto e conoscere gli animatori”.

Una domanda che assilla mamma e papà è quando iniziare a mandare i bambini in vacanza da soli. Per la dottoressa Bianchi “non c’è un’età uguale per tutti. Dipende dal grado di autonomia raggiunto dal bambino e questo lo si capisce osservando, per esempio, come si comporta con gli estranei. In generale, però, è bene cominciare tra gli 8 e i 10 anni; prima il rischio è che il bambino non regga e lo stesso potrebbe succedere ai genitori. Per abituarlo è bene cominciare mandandolo a dormire a casa di qualche amico. La preparazione, insomma, deve avvenire in maniera graduale”.

Ci sono attività più adatte a bambini di una certa fascia di età, per esempio più indicate per quelli che frequentano la scuola dell’infanzia, le elementari, le medie? Se sì quali sono?
“In genere – spiega la dottoressa Bianchi – i bambini più sono piccoli più sono portati al disegno e al gioco da soli. Col passare degli anni, invece, diventa sempre più importante il gioco di gruppo, il rispetto delle regole e le attività strutturate. A mio parere, un’esperienza molto arricchente è quella a contatto con la natura. È vero che ci sono molti bambini che non hanno mai visto una mucca o un cavallo. Si tratta di un’ottima occasione di svago e di divertimento, perché questo è l’aspetto che più di tutti va tenuto in considerazione: i bambini devono divertirsi e svagarsi. Solo così, tra l’altro, si evitano crisi di nostalgia ai bambini in vacanza da soli. Se poi ci fosse la possibilità di fare dello sport, assecondando sempre le inclinazioni del proprio figlio, sarebbe l’ideale”.

In breve

Vacanze da soli: meglio iniziare tra gli 8 e i 10 anni

Per evitare distacchi bruschi dai genitori è bene iniziare a mandare il bambino a dormire a casa di un amico per una o due notti. Così lo si abitua a passare parte delle vacanze estive senza mamma e papà. L’età più indicata è quella tra gli 8 e i 10 anni. Ma tutto dipende dal grado di autonomia del proprio figlio. Per questo è importate osservare come si comporta con gli estranei. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti