Caffè prima di dormire? Sì, anche se sei insonne!

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 26/09/2019 Aggiornato il 26/09/2019

Contrordine: il caffè bevuto alla sera non disturba il sonno. Uno studio americano ha scoperto che bere alcolici e fumare nelle 4 ore che precedono il sonno è molto peggio

Caffè prima di dormire? Sì, anche se sei insonne!

Semaforo verde per il caffè prima di coricarsi. Strano, ma vero, infatti, sembra che il caffè favorisca il sonno. Per dormire bene, che è una condizione essenziale per la qualità della vita, pare che sia meglio bere un caffè piuttosto che fumare una sigaretta o concedersi un bicchiere di vino.

Caffè assolto

Lo afferma uno studio della Florida Antlantic University, del Mississippi Medical Center, delle università di Harvard e di Emory, secondo il quale se si bevono alcolici nelle 4 ore che precedono il sonno si hanno molte più probabilità di interruzioni rispetto a quanto può succedere bevendo caffè. I risultati, pubblicati sulla rivista Sleep, suggeriscono anche che la nicotina, specialmente la sera, è fortemente legata all’insonnia.

Studio lungo 14 anni

Per arrivare a queste conclusioni, nello studio sono stati coinvolti 785 afroamericani per 14 anni, nessuno  dei quali soffriva di disturbi del sonno. A ognuno è stato dato un sensore da polso per il monitoraggio del sonno, nonché un diario su cui annotare come dormivano, come si sentivano, cosa mangiavano, fumavano e bevevano di notte.

L’eccitante è la nicotina

Anche dopo aver controllato altri fattori che potrebbero influenzare il sonno – come l’età, il sesso, il peso, l’occupazione, se sono depressi, ansiosi, stressati – la caffeina è risultata avere un impatto davvero limitato sul sonno. Mentre, dopo aver bevuto alcolici, venivano regolarmente segnalate notti insonni, spesso dopo un aperitivo, ma più comunemente succedeva se la persona beveva più vicino al momento di coricarsi. Niente rispetto alla nicotina, però. Coloro fumavano tendevano a dormire, in media, 43 minuti in meno rispetto ai non fumatori.

 
 
 

CONTRO L’INSONNIA

OCCHIO A QUESTI FATTORI

Tra i fattori che incidono sul sonno sono i campi magnetici, per cui è sconsigliato tenere nella camera da letto radio, cellulari, televisione, computer. Anche le scrivanie che ricordino attività diurne e lavorative non dovrebbero essere nella stessa stanza in cui si dorme per evitare di stabilire legami tra attività non rilassanti e l’ambiente in cui si deve stabilire una condizione di riposo, così da evitare l’insonnia.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Ureaplasma urealyticum : che fare quando si scopre l’infezione?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ureaplasma urealyticum una volta scoperto deve necessriamente essere curato con l'antibiotico. La terapia deve essere affrontata da entrambi i partner, anche s euno dei due non ha sintomi, per evitare l'effetto "ping pong", ossia di continuare a contagiarsi a vicenda.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti