Cambiare le lenzuola: il timing giusto è ogni 7 giorni

Laura Raimondi A cura di Laura Raimondi Pubblicato il 05/10/2018 Aggiornato il 05/10/2018

Batteri e funghi, gli ospiti indesiderati delle lenzuola, si annidano nel letto. Ecco perché bisogna cambiare le lenzuola spesso

Cambiare le lenzuola: il timing giusto è ogni 7 giorni

Cani e gatti spesso vengono allontanati dal letto perché la loro presenza è considerata poco igienica. Tuttavia molti altri “animaletti”, prettamente “umani” e invisibili a occhio nudo, si annidano tra le lenzuola. Ecco perché bisognerebbe cambiare le lenzuola almeno una volta alla settimana. Questo perlomeno è quanto suggeriscono i risultati di una ricerca dell’Università di New York per evitare un’eccessiva proliferazione di funghi e batteri.

Letto “sovraffollato”

A letto si passa almeno un terzo della propria vita. Cambiare le lenzuola con frequenza, quindi, è essenziale per non ammalarsi: funghi e batteri, infatti, mettono costantemente sotto attacco il nostro sistema immunitario. Ecco qualche dato insospettabile. Ogni anno vengono rilasciati nel letto circa 98 litri di sudore, specialmente d’estate, e l’umidità rende le lenzuola l’habitat ideale per i microrganismi. I cuscini contengono da 4 a 17 tipi differenti di funghi, che vengono a contatto con il nostro apparato respiratorio.

Anche secrezioni corporee

Umidità, pollini, polvere, pelo di animali e lanugine sono a loro volta mezzi di trasporto di altri tipi di batteri, ma anche le secrezioni corporee e l’espettorazione (tosse e starnuti), aumentano l’affollamento  dei microbi del letto.

Allergie in agguato

Se la presenza di microrganismi è eccessiva possono scatenarsi reazioni allergiche, in quanto questi batteri sono a stretto contatto con naso e bocca durante il riposo notturno.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Anche pigiami e camicie da notte andrebbero cambiati almeno una volta alla settimana.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti