Cambiare le lenzuola: il timing giusto è ogni 7 giorni

Laura Raimondi A cura di Laura Raimondi Pubblicato il 05/10/2018 Aggiornato il 05/10/2018

Batteri e funghi, gli ospiti indesiderati delle lenzuola, si annidano nel letto. Ecco perché bisogna cambiare le lenzuola spesso

Cambiare le lenzuola: il timing giusto è ogni 7 giorni

Cani e gatti spesso vengono allontanati dal letto perché la loro presenza è considerata poco igienica. Tuttavia molti altri “animaletti”, prettamente “umani” e invisibili a occhio nudo, si annidano tra le lenzuola. Ecco perché bisognerebbe cambiare le lenzuola almeno una volta alla settimana. Questo perlomeno è quanto suggeriscono i risultati di una ricerca dell’Università di New York per evitare un’eccessiva proliferazione di funghi e batteri.

Letto “sovraffollato”

A letto si passa almeno un terzo della propria vita. Cambiare le lenzuola con frequenza, quindi, è essenziale per non ammalarsi: funghi e batteri, infatti, mettono costantemente sotto attacco il nostro sistema immunitario. Ecco qualche dato insospettabile. Ogni anno vengono rilasciati nel letto circa 98 litri di sudore, specialmente d’estate, e l’umidità rende le lenzuola l’habitat ideale per i microrganismi. I cuscini contengono da 4 a 17 tipi differenti di funghi, che vengono a contatto con il nostro apparato respiratorio.

Anche secrezioni corporee

Umidità, pollini, polvere, pelo di animali e lanugine sono a loro volta mezzi di trasporto di altri tipi di batteri, ma anche le secrezioni corporee e l’espettorazione (tosse e starnuti), aumentano l’affollamento  dei microbi del letto.

Allergie in agguato

Se la presenza di microrganismi è eccessiva possono scatenarsi reazioni allergiche, in quanto questi batteri sono a stretto contatto con naso e bocca durante il riposo notturno.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Anche pigiami e camicie da notte andrebbero cambiati almeno una volta alla settimana.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti