Casa sicura: i consigli “a prova di bambino”

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/04/2019 Aggiornato il 17/04/2019

La propria casa, vista con gli occhi di chi ci vive, appare come un luogo accogliente e caldo, del tutto privo di pericoli. Invece tra le pareti domestiche si possono verificare tantissimi incidenti soprattutto per distrazione. Ecco come evitare i pericoli più frequenti

Casa sicura: i consigli “a prova di bambino”

Con alcuni accorgimenti è possibile rendere gli ambienti domestici non solo confortevoli per il bambino, ma anche sicuri, in modo che possa muoversi in libertà senza correre rischi. I consigli dell’ospedale Bambino Gesù di Roma. 

I giochi

Molti incidenti in casa potrebbero essere evitati fornendo ai bambini giocattoli a norma, realizzati con materiali atossici e non infiammabili, e adatti all’età del piccolo. Attenzione, quindi, ai giochi da cui si possono staccare piccole parti che il bimbo può mettere in bocca e ai palloncini gonfiabili in lattice: possono rompersi all’improvviso in piccoli pezzi ed essere inalati.

Il sonno

Fare sogni tranquilli fa bene a tutti i bambini (e anche ai loro genitori). Per scongiurare il rischio di sids non riempire il lettino (né tantomeno la culla) di giocattoli, peluche, laccetti o catenelle del ciuccio o altri giochi. Sconsigliati anche catenine e braccialetti. La posizione migliore è quella supina (a pancia in su); il cuscino – quando presente – non deve essere troppo grande e neppure soffice. Divieto assoluto di fumo in casa, soprattutto nella stanza in cui dormono i bambini.

In bagno

I pericoli maggiori sono legati alle ustioni, per evitare le quali basta verificare con un termometro che la temperatura dell’acqua calda sia sempre intorno ai 36-37 gradi, e al rischio di annegamento, prevenibile evitando di lasciare da soli i bambini nella vasca (i più piccoli possono trovarsi in pericolo anche  in appena 5 cm d’acqua). Tappetini antisdrucciolo nella vasca o nella doccia e protezioni antiurto sulle rubinetterie dovrebbero essere utilizzati di regola per prevenire cadute e urti accidentali e fanno parte del corredo di una casa sicura.

In soggiorno e in cucina

Il soggiorno in una casa sicura deve avere tutti i mobili dotati di paracolpi e paraspigoli, per consentire ai bambini di muoversi senza correre il rischio di farsi male in caso di impatti o cadute. In cucina i bambini non vanno mai lasciati soli: la presenza del fuoco, di detersivi e di oggetti appuntiti di vario tipo sono pericoli da non sottovalutare. Attenzione anche alla temperatura dei cibi che vengono serviti ai bimbi: non devono essere troppo caldi. 

Il balcone

È bene montare reti di protezione adeguate ed evitare di mettere sedie o mobiletti che potrebbero fare da ” rampa”. Infine, divieto assoluto di contatto con alcune piante velenose, piuttosto diffuse, come per esempio la stella di Natale (il lattice a contatto con le mucose provoca irritazioni) e l’oleandro (ingerirne anche solo una minima parte causa dolori addominali, diarrea e perfino aritmie cardiache).

I detersivi

Per scongiurarne l’ingestione accidentale, non lasciare incustodite sostanze tossiche, alcoliche o comunque nocive: evitare di travasarle in contenitori non originali, soprattutto se contenevano sostanze di uso alimentare.

 

 
 
 

Da sapere!

Mai lasciare i bambini da soli sul seggiolone. Anche se la seduta è comoda e il seggiolone ha cinture di sicurezza a prova di scivoloni…il bimbo non deve mai essere lasciato da solo, anche se non sta mangiando. È solo una delle raccomandazioni dei medici dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma per rendere la casa sicura, “a prova di bambino”, e prevenire eventuali incidenti domestici.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Nonni che baciano sulla bocca il bambino: che grande sbaglio!

Il bacio sulla bocca è un gesto che appartiene al mondo degli adulti, quindi è sbagliato che i nonni se lo scambino con i nipotini. A maggior ragione se la mamma lo ha vietato.   »

Cosa deve mangiare a un anno di vita?

Le più recenti linee guida suggeriscono che dallo svezzamento in avanti il bambino dovrebbe mangiare gli stessi pasti del resto della famiglia.   »

Senza pannolino quant’è difficile!

Può capitare che i bambini non ancora abbastanza pronti per dire addio al pannolino, se vengono forzati all'uso del vasino inizino a ignorare lo stimolo a evacuare.   »

Fai la tua domanda agli specialisti