Come conservare gli alimenti per averli sempre sani e sicuri

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/07/2013 Aggiornato il 22/07/2013

Per riuscire a mantenersi in forma non basta fare scorta di cibi sani: bisogna anche conservare gli alimenti correttamente

Come conservare gli alimenti per averli sempre sani e sicuri

L’Eufic (European food information council), un’organizzazione europea senza fini di lucro che ha l’obiettivo di diffondere informazioni corrette sui temi legati alla sicurezza alimentare e all’alimentazione, suggerisce norme atte a ridurre al minimo gli errori che spesso facciamo per conservare gli alimenti, in parte dovuti alla manipolazione ma, nella maggioranza dei casi, alla cattiva conservazione in frigorifero.

L’identikit del frigorifero

All’interno del frigorifero la temperatura non è omogenea ed è importante conoscere bene quali sono le differenze per conservare al meglio i nostri alimenti:

Il punto più freddo è la mensola sopra il cassetto per le verdure (circa 2° C): conserva qui carne e pesce fresco in contenitori chiusi in modo che non sgocciolino contaminando altri cibi.

Nelle mensole centrali (4-5° C) e nella più alta (8° C) conserva affettati, formaggi, uova, torte e tutti quei prodotti che dopo l’apertura vanno conservati in frigorifero.

Gli scompartimenti sulla porta del frigorifero sono il luogo con la temperatura più alta (10-15° C) e devono essere usati solo per quei prodotti che possono essere conservati al fresco (bibite).

Frutta e verdura vanno conservati nei cassetti, mentre le banane possono essere conservate a temperatura ambiente perché potrebbero essere danneggiate dal freddo.

7 consigli in più

Controlla sempre la temperatura del frigorifero, quella ottimale è di 4-5° C sulla mensola centrale, ma d’estate è meglio ridurla a 3-4°C.  Non riempire troppo il frigorifero per evitare che l’aria non circoli bene.

Per conservare gli alimenti utilizza contenitori coperti (con la preferenza per quelli bassi, in modo che la temperatura interna sia più vicina a quella esterna) per evitare che perdano sapore e umidità.

Se non utilizzi l’intero contenuto di una conserva (per esempio, passata o pomodori pelati) travasala in un contenitore a chiusura ermetica.

Nel caso di cibi cotti avanzati, raffreddali a temperatura ambiente il più rapidamente possibile (per esempio, mescolando con un cucchiaio o immergendo la pentola in acqua fredda) per poi conservarli in frigorifero o congelarli entro due ore dalla cottura, un’ora se fa caldo. 

Con le uova c’è il rischio salmonella. Sarebbe meglio conservarle dentro i contenitori nella mensola centrale del frigorifero piuttosto che negli appositi portauova sulla porta per evitare che siano soggette a sbalzi d temperatura.

Evita contatti tra alimenti crudi e cotti perché quelli crudi (come carne, pollame e pesce crudo) possono essere veicolo di germi e contaminare quelli cotti.

Presta particolare attenzione alla conservazione di brodi di carne e minestroni: le preparazioni brodose sono terreni di coltura ideale per i batteri e vanno consumati entro il giorno successivo (in caso di carne o pesce) o due al massimo (per le verdure). Se vuoi conservarli più a lungo, congelali.

In breve

COME PULIRE IL FRIGORIFERO

Una volta al mese lava accuratamente il frigorifero e le sue guarnizioni con acqua e aceto (che tra l’altro è in grado anche di eliminare i cattivi odori) o detersivi specifici e poi asciuga con un panno pulito.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti