Cravatta: rischi se è troppo stretta

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 17/09/2018 Aggiornato il 17/09/2018

Per giungere al cervello, il sangue deve attraversare la carotide che corre lungo il collo. Ma se la cravatta è troppo stretta, il flusso sanguigno viene rallentato e la quantità di sangue nel cervello si riduce

Cravatta: rischi se è troppo stretta

La cravatta è il simbolo dell’eleganza maschile. In alcuni ambienti, principalmente lavorativi, indossarla è pressoché d’obbligo. Ma attenzione: stringere troppo il nodo della cravatta può far diminuire il flusso di sangue nel cervello. A rivelarlo è una ricerca della Universitätsklinikum Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania, pubblicata sulla rivista medica Neuroradiology.

Lo studio con la risonanza magnetica

I ricercatori tedeschi hanno preso in esame due gruppi da quindici giovani uomini. Al primo è stata fatta indossare una cravatta con nodo Windsor, mentre tutti e trenta sono stati poi sottoposti a tre risonanze magnetiche. Nel primo e nel terzo passaggio sotto i macchinari, il primo gruppo aveva il nodo allentato e colletto della camicia aperto. Il secondo passaggio invece era stato fatto il nodo Windsor ben stretto con il primo bottone della camicia chiuso.

Confermato il calo di flusso

Dalle analisi è risultato evidente come il flusso di sangue nel cervello subisce una riduzione media del 7,5% dopo la chiusura della cravatta. Una riduzione che si è assestata mediamente intorno al 5,7% anche dopo che il nodo al collo è stato allentato. In generale, tutti i coloro che hanno indossato la cravatta hanno evidenziato un calo nel flusso sanguigno cerebrale. Per cinque ragazzi il calo è stato addirittura superiore al 10%. Al contrario, nel secondo gruppo si è addirittura rilevata una leggera crescita del flusso dopo la seconda risonanza.

 

 

 
 
 

In breve

SERVONO ALTRI APPROFONDIMENTI

Occorre ora soprattutto valutare se, una volta indossata la cravatta, il flusso possa a lungo andare adattarsi a questa condizione senza ripercussioni sulla funzionalità cerebrale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti