Dieta mediterranea: in crisi per la crisi?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/04/2015 Aggiornato il 30/04/2015

Aumentano le difficoltà economiche e gli italiani abbandonano la dieta mediterranea, riducendo il consumo del made in Italy alimentare come l’olio d’oliva, la frutta, la verdura, il pane, la pasta e il vino

Dieta mediterranea: in crisi per la crisi?

A causa della crisi economica, in Italia, la “terra” madre della dieta mediterranea, crollano i consumi dei prodotti tipici del modello nutrizionale più famoso del mondo e riconosciuto dall’Unesco come “patrimonio mondiale dell’Umanità”: olio d’oliva, pasta, pane, vino, frutta e verdura. È il risultato di una recente analisi della Coldiretti che ha esaminato le abitudini degli italiani quando fanno la spesa, a partire dal 2008.

Olio, frutta e verdura al vertice della lista nera

Gli acquisti di olio d’oliva, fondamento della dieta mediterranea, sono diminuiti del 25% che, riferiti al consumo procapite, equivalgono a 9.2 chili l’anno, dietro alla Spagna (10.4 chili) e alla Grecia (16.3 chili). Per la frutta e la verdura il calo è stato del 7%, che in termini di consumo per persona, corrispondono a poco più di 130 chili all’anno, cioè 360 grammi al giorno. Attenzione: è una quantità inferiore rispetto ai 400 grammi raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità. È inoltre emerso che solo il 18% degli italiani di età superiore ai 3 anni consuma almeno 4 porzioni di frutta e verdura al giorno.

Meno pasta e meno pane

Anche se rispetto agli altri europei gli italiani restano i maggior consumatori di pasta e di pane, il loro consumo si è notevolmente ridotto con la spending review. In particolare quello del pane che dall’inizio della crisi è dimezzato, scendendo nel 2014 al minimo storico di 90 grammi, equivalenti a meno di due fettine di pane (o due michette piccole) al giorno a persona.

Perderemo il primato della longevità italiana?

Ciò che preoccupa la Coldiretti è che questo cambiamento nelle scelte alimentari potrebbe portare gli italiani a perdere quell’elisir di lunga vita acquisito dal consumo regolare di pane, pasta, pesce, frutta, olio extra vergine d’oliva e vino. Portare a tavola tutti i giorni questi alimenti ha fatto si che fino ad oggi gli italiani siano stati classificati tra i più longevi del mondo, con una vita media che ha raggiunto i 79.8 anni per gli uomini e gli 84.8 per le donne.

 

 

 

In breve

BAMBINI A RISCHIO

Il cambiamento degli stili alimentari potrebbe impattare soprattutto sulle giovani generazioni, considerando che oggi quasi 1/3 dei bambini sono obesi o in sovrappeso. In particolare, secondo l’indagine promossa dal Ministero della Salute “Okkio alla Salute”, che ha preso in esame un campione di bambini di età compresa tra gli otto e nove anni, i piccoli in sovrappeso sono il 20.9%, mentre quelli obesi sono il 9,8%.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti